,,
Virgilio Sport SPORT

Amarcord Delneri: "La mia Juve non era da buttare"

Dieci anni fa il tecnico di Aquileia approdava sulla panchina bianconera: "Eravamo da terzo-quarto posto, fummo sfortunati"

Sono passati dieci anni da quando Luigi Delneri accettò l’incarico di allenatore della Juventus. In un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ il tecnico di Aquileia, che nella prossima stagione tornerà a sedersi su una panchina, quella del Brescia, è tornato sulla sua avventura bianconera, deludente rispetto alle aspettative iniziali e chiusa con un dimenticabile settimo posto.

“Non eravamo una squadra da scudetto, ma da terzo-quarto posto sì – ha detto Delneri -. Nel ritorno persi per infortunio giocatori chiave come Quagliarella. Ho ottimi ricordi e capisco come un settimo posto alla Juve non possa bastare, però non butto via quella stagione”.

Tra i punti d’orgoglio sottolineati da Delneri, l’arrivo di due calciatori che negli anni a seguire avrebbero poi fatto la storia del club bianconero: “Ai tifosi ricordo che con me arrivarono Bonucci e a gennaio Barzagli: quest’ultimo lo caldeggiai io, memore di quanto avesse fatto bene al Chievo”.

OMNISPORT | 23-08-2020 10:48

Amarcord Delneri: "La mia Juve non era da buttare" Fonte: Getty images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...