Virgilio Sport

Australian Open 2023: favoriti, montepremi, italiani in gara e come vederlo in tv

A Melbourne si alza il sipario sul primo Slam della stagione: Djokovic a caccia del decimo trionfo complice il forfeit di Alcaraz e l'incognita Nadal. Italiani pronti a stupire

15-01-2023 09:11

La stagione 2023 del tennis inizia come di consueto dall’Australia, teatro del primo torneo dello Slam. Presso i campi del Melbourne Park dal 16 al 29 gennaio si disputerà infatti la 111ª edizione degli Australian Open. Dopo l’anteprima della United Cup, il torneo misto per nazionali che ha preso il posto dell’ATP Cup e dopo i tornei in singolare “di riscaldamento” in campo maschile e femminile svoltisi tra Adelaide e Melbourne è tempo di fare sul serio.

Complice l’assenza per infortunio di Carlos Alcaraz, numero uno del ranking ATP, il primo Major dopo l’annuncio del ritiro di Roger Federer si annuncia come un testa a testa tra i due Big Three ancora in attività, il campione uscente Rafa Nadal e Novak Djokovic.

Australian Open 2023, Alcaraz resta a guardare: Djokovic vuole riprendersi il primo posto del ranking

Diventato il numero 1 più giovane della storia al termine di un’annata contraddittoria, segnata dall’apice del trionfo agli US Open, ma anche dalle precoci eliminazioni negli altri tre Slam, Roland Garros compreso, Alcaraz è stato costretto al forfeit a Melbourne per un banale infortunio muscolare subito in allenamento ad Alicante, cercando di salvare una palla corta del quindicenne statunitense Darwin Blanch. Una beffa che potrebbe costare carissima al talentino di Murcia, se è vero che Alcaraz rischia già di perdere la leadership del ranking.

Tre i giocatori che hanno la possibilità di superarlo: due di essi, Casper Ruud e Stefanos Tsitsipas, hanno già conteso a Carlos lo scettro a fine 2022, e poi c’è il solito Novak Djokovic. Il serbo e il greco hanno una sola possibilità per scavalcare lo spagnolo, quella di vincere il torneo. Ruud avrà invece una doppia possibilità: trionfare o arrivare in finale contro un avversario diverso da Tsitsipas.

Australian Open 2023, i favoriti: l’incognita Nadal e la mina vagante Kyrgios

Con tutto il rispetto per il norvegese e per l’Apollo con la racchetta, comunque, oltre che per Alexander Zverev, al primo “crash test” dopo la lunga assenza per il grave infortunio alla caviglia subito a maggio al Roland Garros, la sfida nella sfida più elettrizzante a Melbourne sarà quella tra Nadal e Djokovic, teste di serie numero 1 e 4, che arrivano al primo Slam della stagione in condizioni antitetiche. Il maiorchino è sì il campione in carica dopo l’impresa del 2022, ma è reduce da una seconda parte di anno solare sofferta a causa dei soliti infortuni. L’inizio del 2023 è stato se possibile peggiore, con due ko in altrettanti match, in United Cup contro Norrie e De Minaur.

Dall’altra parte Djokovic è il re di Melbourne, dove ha trionfato in nove occasioni: la doppia cifra avrebbe un sapore speciale per il fuoriclasse di Belgrado, che aggancerebbe proprio Nadal a quota 22 Slam vinti in carriera e che si prenderebbe una gustosa rivincita dopo la turbolenta assenza del 2022, quando a prendersi la scena fu la sua clamorosa espulsione dal paese a causa del proprio status di non vaccinato. La forma è già smagliante, come mostrato nel torneo di Adelaide, vinto in finale su Daniil Medvedev e il tabellone è tutt’altro che proibitivo, con l’unica, vera insidia rappresentata dal possibile incrocio ai quarti con Nick Kyrgios, vera mina vagante del torneo. Quanto a Medvedev, il magico stato di forma che lo portò al comando del ranking sembra svanito, ma la volontà di riscattare le ultime due sconfitte in finale potrebbe fargli vivere due settimane da protagonista. I numeri però non sono con il russo, se si pensa che i Big Three hanno vinto 17 delle ultime 19 edizioni del torneo occupando nello stesso arco di tempo 22 posti dei 38 posti in finale.

La carica degli italiani: in 12 a caccia di gloria, Berrettini e Sinner vogliono sognare

E gli italiani? I rappresentanti del Belpaese a Melbourne saranno 12, equamente divisi tra tabellone maschile e femminile. Un numero incoraggiante, ma che sarebbe potuto essere maggiore dal momento che solo due atleti sono riusciti a superare le qualificazioni guadagnandosi un posto nel tabellone principale, entrambi al debutto assoluto. Si tratta di Mattia Bellucci, n.153 del ranking, Lurezia Stefanini, n.141 del mondo, che vanno ad aggiungersi ai consolidati “Magnifici 5”, Matteo Berrettini, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti, rispettivamente teste di serie numero 13, 15 e 17, Fabio Fognini e Lorenzo Sonego e in campo femminile a Martina Trevisan (numero 21 del seeding), Camila Giorgi, Lucia Bronzetti, Jasmine Paolini e Elisabetta Cocciaretto.

Le aspettative maggiori son in campo maschile: il Berrettini visto in United Cup fa sperare in un buon cammino, anche se non sarà cercare di difendere i punti guadagnati un anno fa con la semifinale, mentre più incertezza c’è riguardo alla condizione di Sinner. Per entrambi il sorteggio è stato poco favorevole, visto che agli ottavi potrebbero incrociare Ruud e Tsitsipas. Attenzione, semmai, ai possibili e suggestivi derby: Berrettini-Fognini, compagni di doppio in Davis, è possibile già al secondo turno, Sinner-Musetti al terzo.

Australian Open, l’edizione 2023 è già nella storia: montepremi da record

Gli Australian Open sono per definizione il Major meno “glamour” o meglio quello che più ha faticato a ritagliarsi il proprio spazio tra i tornei più importanti della stagione, sia per il grande pubblico che per gli stessi protagonisti. La svolta è coincisa con il definitivo trasferimento presso il Melbourne Park, avvenuto nel 1988 e l’annesso cambio di superficie, dall’erba al cemento “gommoso” che hanno permesso al Major del Nuovissimo Continente di raggiungere pari dignità rispetto agli altri tre tornei dello Slam, che hanno comunque una storia più lunga, essendosi la prima edizione degli Open d’Australia svoltasi “solo” nel 1905.

Un’ulteriore conferma circa l’ormai consolidata popolarità del torneo arriva dalla crescita costante del montepremi in palio. Nel 2022 ciascuno dei due vincitori, Nadal e in campo femminile Iga Swiatek, intascarono un assegno da 2,8 milioni di dollari australiani, al cambio circa 1,8 milioni di euro, ma quest’anno il prize money è aumentato e toccherà quota 48,3 milioni di euro, che dovrà ovviamente essere distribuito tra tutti i tabelloni principali (doppi inclusi) e quelli di qualificazione. L’aumento rispetto al 2022% è quindi circa del 3,4% e conferma la crescita continua partita da inizio Millennio e che quest’anno riguarderà soprattutto semifinalisti, finalisti e vincitori, che godranno in proporzione degli aumenti più significativi.

Questo il dettaglio del montepremi. Al vincitore del torneo andranno 1,92 milioni di euro, al finalista 1,054 milioni, mentre i semifinalisti porteranno a casa 600.000 euro. Il premio per i quarti di finale sarà di 360.000 euro a testa, per gli ottavi 219.300 euro. Chi si ferma al terzo turno guadagnerà 147.700 euro, chi verrà eliminato al secondo 103.000 euro. Infine il solo ingresso nel tabellone principale, quindi l’eliminazione al primo turno, permetterà di introitare 68.900 euro.

Australian Open 2023: come seguirli in tv in diretta e in streaming

Gli Australian Open 2023 saranno trasmessi in diretta e in esclusiva sui canali Eurosport, presenti nel bouquet Sky, e in streaming sulle piattaforme collegate, Now Tv e Sky Go, oltre che su Discovery+. Anche gli abbonati a Tim Vision e a DAZN potranno godersi lo spettacolo del primo Slam della stagione in streaming e on demand sui canali Eurosport 1 e Eurosport 2.

Clicca qui per abbonarti e vedere il grande sport su DAZN

FAQ

Quando iniziano gli Australian Open 2023?

L’edizione 2023 degli Australian Open, la numero 111 della storia, inizierà lunedì 16 gennaio con il primo turno dei tabelloni maschile e femminile.

Quando finiscono gli Australian Open 2023?

La finale del torneo di singolare maschile degli Australian Open 2023 si giocherà domenica 29 gennaio alle ore 9.30 italiane. Il giorno prima, sabato 28 gennaio, si disputerà la finale del singolare femminile.

Qual è il montepremi complessivo degli Australian Open 2023?

Il montepremi complessivo degli Australian Open 2023 sarà di 48,3 milioni di euro, da distribuire tra tutti i tabelloni principali (doppi inclusi) e quelli di qualificazione.

Chi sono i campioni in carica degli Australian Open?

Rafael Nadal è il campione in carica in campo maschile grazie al successo nella finale 2022 su Daniil Medvedev. Tra le donne ad aggiudicarsi l’edizione 2022 è stata Ashleigh Barty, vittoriosa sulla statunitense Danielle Collins.

Chi detiene il record di vittorie agli Australian Open?

Novak Djokovic e Margaret Smith Court detengono il primato di successi negli Australian Open in campo maschile e femminile: nove affermazioni per il serbo, undici per l’australiana.

Quando si è disputata la prima edizione degli Australian Open?

La prima edizione degli Australian Open risale al 1905 in campo maschile e al 1922 in quello femminile. In entrambi i casi a vincere furono due atleti australiani, Rodney Heath e Margaret Molesworth.

Chi trasmette gli Australian Open 2023?

Gli Australian Open 2023 saranno trasmessi in esclusiva dai canali Eurosport, presenti nel bouquet Sky, e in streaming su Now TV, Sky Go, Discovery+, Tim Vision e DAZN.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...