Virgilio Sport

Milan-Inter, derby a Colombo: timori rossoneri, tra precedenti e lo stop di 2 mesi per insulti alla Primavera

La designazione del giovane arbitro comasco scatena i timori dei tifosi del Diavolo sul web, tra i precedenti anche il caso con la Primavera rossonera che costò a Colombo due mesi di stop

Pubblicato:

Lorenzo Marsili

Lorenzo Marsili

Sport Specialist

Giornalista pubblicista, redattore, divulgatore. E' una delle anime video del sito: racconta in immagini un evento e lo fa come pochi altri

Cresce l’attesa per il derby della Madonnina che lunedì prossimo in caso di successo dell’Inter sul Milan regalerebbe lo scudetto della seconda stella ai nerazzurri di Simone Inzaghi. A scaldare ulteriormente gli animi ci hanno pensato anche le designazioni arbitrali. A San Siro dirigerà Andrea Colombo della sezione di Como e, sui social, i tifosi rossoneri non hanno nascosto le proprie perplessità dettate da precedenti non certo “felicissimi” con il fischietto comasco, addirittura fermato per due mesi dopo una direzione del Primavera del Diavolo.

Derby scudetto, designato Andrea Colombo

Milano si prepara al derby scudetto Milan-Inter in programma in un insolito slot del lunedì sera con calcio d’inizio alle 20.45. Come deciso dal designatore Rocchi, la stracittadina milanese che può assegnare la seconda stella ai nerazzurri di Simone Inzaghi sarà diretta da Andrea Colombo della sezione di Como. Classe 1990, alla sua trentesima apparizione in A, a 33 anni, 6 mesi e 17 giorni il fischietto lariano sarà il terzo più giovane arbitro di sempre ad arbitrare un derby di Milano. Meglio di lui solo Gianluca Paparesta (33 anni 5 mesi e 29 giorni) e Pierluigi Collina (34 anni e sette mesi).

Lo stop di due mesi dopo Milan-Chievo Primavera

Un’investitura importante, ma non priva di rischi, visto il putiferio che la designazione ha già scatenato sui social, con i tifosi del Diavolo a rimarcare i precedenti non certo felicissimi di Colombo con il Milan. Il più eclatante risale al 2018, durante un Milan-Chievo Primavera e costrinse la Procura federale a fermare per due mesi il fischietto per “Frasi inopportune dal contenuto denigratorio e provocatorio in particolare nei confronti dei calciatori del Milan Alessandro Sala, Daniel Maldini, Riccardo Tonini, Frak Cedric Tsadjout e Marco Romano Frigerio”.

Il precedente che fa tremare i rossoneri

Ma non è tutto. Nella sua ancora breve carriera ai massimi livelli del calcio italiano, infatti, Colombo ha vissuto due gare particolarmente difficili legate proprio a Milan e Inter. In prima battuta, nel ko 4-2 della squadra di Pioli contro il Monza, il fischietto comasco, prima mostrato con l’ausilio del VAR il rosso a Jovic per la manata al volto di Armando Izzo, poi non ha concesso un rigore ai rossoneri per una trattenuta davvero al limite di regolamento di Andrea Carboni su Theo Hernandez nell’area brianzola.

La rabbia dell’Atalanta

Il secondo match “incriminato” è quello tra l’Atalanta e l’Inter, chiuso con il poker dei nerazzurri di Inzaghi a quelli di Gasperini e con il presidente della Dea, Antonio Percassi, letteralmente infuriato davanti alle telecamere nel post gara. Nel mirino la rete annullata a Charles De Ketelaere e il rigore assegnato all’Inter, per un match, secondo il patron degli orobici “condizionato da episodi arbitrali”.

I commenti dei tifosi del Milan alla designazione di Colombo

Insomma il clima è caldissimo e sui social si legge un po’ di tutto. C’è chi commenta: “Ci sta, tanto è un’amichevole di fine stagione, giusto mandare un inesperto per fare gavetta” e ancora: “Rigore per l’Inter”, “È quello di Monza Milan… arbitraggio osceno…“, “Corretto, cosi potranno sospenderlo senza troppi casini dopo le porcate che farà a favore dei nerazzurri”, “Uno che ha preso due mesi di squalifica per insulti ai calciatori del Milan Primavera…”.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...