Virgilio Sport

Ex calciatore confessa l’omicidio di un criminale

"Ho ucciso un mafioso e gettato il cadavere nel lago di Ginevra", ha spiegato lo sportivo. I fatti risalgono al 16 giugno 2018

02-03-2023 15:16

Una storia dai particolari raccapriccianti arriva dalla Svizzera (e dalla Francia). Si tratta della storia di un omicidio in cui il protagonista è un calciatore semiprofessionista delle serie minori elvetiche (con le maglie di Fc Lancy e Fc Aigle), ma che ha debuttato e giocato per un certo periodo nella Ligue 2 francese, mentre la vittima un malvivente della criminalità organizzata. A rivelare i contorni della vicenda, la testata ginevrina Tribune de Genève.

Vicenda shock in Svizzera: ex calciatore confessa l’omicidio di un criminale

I fatti risalgono al 16 giugno 2018. Il calciatore, secondo la sa stessa deposizione, dopo essere finito in un traffico di sostanze stupefacenti, di cui avrebbe dovuto ricevere un carico di droga in Spagna. In quella stessa giornata, però, ha finito per colpire a morte (probabilmente con una mazza da baseball appena acquistata) un personaggio della criminalità organizzata a Lione. Proprio nei pressi della città dell’Alta Savoia, all’interno di una cantina, tra i due sarebbe nata una colluttazione sfociata nell’omicidio del mafioso di 44 anni di cui il calciatore ha confessato di essere stato “sotto sua influenza“.

Il calciatore che ha ucciso un criminale: i fatti, tra Svizzera e Francia, risalgono nel 2018

Particolari ancor più torbidi arrivano nel prosieguo della vicenda: il calciatore sarebbe riuscito a trasportare il cadavere del malvivente in Svizzera, a Lancy, dove risiedeva in quel periodo. Non riuscendo a seppellirla, lo sportivo avrebbe tenuto la salma nel bagagliaio della sua auto, all’interno di un sacco a pelo, per due giorni, prima di recarsi a Villeneuve, nel Canton Vaud, in cui poi avrebbe noleggiato un’imbarcazione e gettato le spoglie (appesantite di 50 chili) nel lago di Ginevra.

Chi è il calciatore che ha ucciso un mafioso a Lione

In questo momento, la brigata di Mare del lago elvetico non ha ancora ritrovato il cadavere, ma tutti gli altri particolari forniti dal calciatore corrispondono. Aspetto più che sufficiente agli inquirente per portare la storia a processo dal 9 al 12 maggio 2023, date entro le quali dovrebbe essere anche rivelato il nome del calciatore.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...