Virgilio Sport

Ezpeleta: "Zero rivalità un problema? Le liti di Rossi non mi piacevano"

Il numero uno della MotoGP: "Poco appeal se i piloti si rispettano? Non c'è bisogno che si picchino per attirare la gente".

Pubblicato:

Ezpeleta: "Zero rivalità un problema? Le liti di Rossi non mi piacevano" Fonte: Getty

In un’intervista esclusiva con Motorsport.com, il numero uno della MotoGP Ezpeleta è tornato a parlare del paragone con la Formula Uno: “In termini di spettacolo, la F1 è il numero uno tra gli sport motoristici. Il nostro obbligo è quello di guadagnare popolarità, ma senza che la F1 sia il punto di riferimento. Il fatto che la F1 sia popolare ci aiuta molto. È vero che ultimamente sono cresciuti molto, e non credo che sia esclusivamente merito di Drive to Survive, anche se sicuramente ha contribuito. A mio avviso, la popolarità arriva a ondate. Non molto tempo fa, la F1 era in difficoltà e noi eravamo il meglio del meglio. Quello che dovete fare è concentrarvi su quello che fate e lavorare al meglio delle vostre possibilità”.

Ezpeleta ha le idee chiare sulle cose che non funzionano in MotoGP: “Ci sono luoghi in cui non siamo stati al livello che avremmo dovuto raggiungere l’anno scorso, per una serie di ragioni. Ci sono momenti in cui si commettono errori in certe cose. Per esempio, abbiamo sbagliato a mettere i Gran Premi di Jerez e del Portogallo così vicini. Al Mugello abbiamo commesso un errore programmando la gara nello stesso fine settimana della gara di F1 a Monaco. Non siamo affatto avversi all’autocritica. La partenza di un’icona come Valentino ha avuto un impatto, questo è certo. Ma ne stanno arrivando altri. Valencia era piena, anche se non c’erano spagnoli che potessero lottare per il titolo della MotoGP. Anche la Germania. La Francia, grazie all’effetto Quartararo e Zarco, era più affollata che mai. Ho l’obbligo di studiare ciò che abbiamo fatto bene e ciò che stiamo sbagliando. Il primo per continuare su quella linea e il secondo per migliorarla. Ma non condivido in alcun modo il discorso catastrofico che alcuni vendono. Non c’è depressione”.

Le mancanze di rivalità in questo momento non sono un problema per Ezpeleta: “La scorsa settimana il giornale Sport mi ha premiato per i valori che il nostro campionato trasmette. I corridori mostrano una rivalità che nessuno può contestare, ma allo stesso tempo mostrano rispetto l’uno per l’altro. Nel 2015, con quel bestiale picco di interesse che abbiamo avuto in seguito all’incidente tra Valentino, Marc e Lorenzo, ho già detto che non mi piaceva. Forse sono troppo sincero, ma credo che la rivalità debba essere incentrata sul desiderio di vincere. Non c’è bisogno di piloti che si picchino per attirare la gente”.

“Credo sinceramente che se non riusciamo a trasmettere che lo sport deve proiettare questi valori, siamo noi a sbagliare – continua Ezpeleta -. Quest’anno Aleix e Fabio si sono affrontati ad Assen ed è su queste basi che si dovrebbe giocare la rivalità. Al di là di questo, stiamo entrando in un campo che non mi piace. Non mi è piaciuto che Lorenzo e Pedrosa non si siano parlati, e non mi è piaciuto che Rossi e Biaggi si siano colpiti sui gradini del podio a Montmelò. Mi piace la rivalità, perché aiuta lo sport e la popolarità. Ma non credo che sia una cosa negativa mantenere i moduli”.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...