,,

Virgilio Sport SPORT

Ferrari, un minuto di vergogna: le parole di Vettel e Leclerc

La scuderia di Maranello si interroga sul forte distacco da Mercedes e Red Bull.

La Ferrari si ferma per la pausa estiva con l’amaro in bocca. Né Sebastian Vettel, terzo, né Charles Leclerc, quarto, sorridono per i loro piazzamenti nel Gran Premio d’Ungheria: il minuto di ritardo dal vincitore Lewis Hamilton e da Max Verstappen fa malissimo.

Vettel, che ha conquistato il podio grazie al sorpasso all’ultimo giro al compagno di scuderia, è durissimo: “C’è stata un’opportunità e l’ho colta, sono contento di aver preso questo ‘contentino’… ma è chiaro che non avevamo il passo per tutto il weekend, i ragazzi dovranno lavorare tanto, dobbiamo ricaricare le batterie e riprendere la battaglia, dobbiamo diventare più forti. Non so cosa faranno gli altri dal punto di vista degli aggiornamenti ma Spa e Monza sulla carta sono favorevoli per noi. Non sono contento di quanto fatto fino ad ora, voglio migliorare e sarà una pausa molto impegnativa per noi, nessuno potrà riposare anche a livello mentale in queste due settimane”.

Così Leclerc, amareggiato: “Onestamente è stato molto difficile: da inizio weekend ero stato chiaro che era una gara molto difficile per noi, forse un po’ di più di quello che ci aspettavamo. Il primo stint non era male ma poi abbiamo iniziato a degradare di più. Era impossibile seguire il passo di Mercedes e Red Bull; ho fatto fatica con il posteriore, come era successo anche in Austria, devo capire cosa fa di meglio Seb Vettel nelle piste con più degrado. Spa e Monza? E’ buono che ci sia la pausa ma io voglio tornare in macchina per capire cosa possiamo fare di meglio e provare ad avvicinarci a Mercedes e Red Bull”.

Il team principal Binotto prova a spiegare il ritardo da Mercedes e Red Bull: “Il motivo per cui abbiamo preso un minuto è che ci manca prestazione. In estate noi come squadra tutti insieme penseremo alla nostra macchina, qualche giorno per ricaricare le energie sarà importante, spero di ritrovare una squadra motivata a rientro”.

L’analisi della gara: “Seb è stato bravo nel gestire le gomme, nel primo stint è stato bravo, non c’erano alternative per Charles, mentre Seb è riuscito a prolungare il primo stint a cambiare le gomme e andare fino in fondo, mentre è da capire con Charles perchè le abbiamo usurate così tanto. Credo che in realtà la nostra debolezza è il carico aerodinamico, si sente ancora di più in gara in queste piste qua, sulla distanza si soffre di carico verticale e si notano di più le differenze”, ha detto ai microfoni Sky.

SPORTAL.IT | 04-08-2019 20:23

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...