,,
Virgilio Sport

Giovani e sostenibilità, l’intervento della Lega B al #SFS22

28-09-2022 10:31

Giovani e sostenibilità, l’intervento della Lega B al #SFS22

Nella prima giornata del Social Football Summit 2022 è stato particolarmente apprezzato il panel “Il futuro del calcio: Giovani e Sostenibilità”, un focus sullo sviluppo dei giovani e di una gestione sostenibile.

Allo stadio Olimpico di Roma all’interno del panel dedicato, moderato da Maurizio Insardà, sono intervenuti la Ministra per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, il Presidente della Lega Serie B Mauro Balata, il CT della Nazionale italiana Under 21 Paolo Nicolato, il Direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni, l’ex attaccante della Nazionale Giampaolo Pazzini e il Professore di fisica e tecnica energetica dell’Università di Roma Tre Roberto De Lieto Vollaro con cui si è parlato di un’altra emergenza, quella energetica.

Il Presidente Balata ha confermato che per la Lega B e per il calcio il tema dei giovani è fondamentale, “Cerchiamo tutti di capire come i giovani talenti crescano e diventino il futuro del calcio che poi ci permettano di recuperando quelle posizioni che ricoprivamo quindici anni fa. Noi chiediamo al Governo di essere trattati come una industry, anche perché i numeri che si registrano lo impongono”.

“Dobbiamo mettere nelle stesse condizioni calciatori italiani e stranieri in modo che si possano mettere sullo stesso piano facendo emergere chi ha più qualità, la meritocrazia. Serve sicuramente incentivazione fiscale sui giovani come in Germania, un sistema in cui queste normative hanno già funzionato”.

“Noi come B stiamo facendo molte azioni per stimolare, cambiare e migliorare il nostro calcio, con tanto sacrificio dei nostri club associati, sicuramente ci aspettiamo questo impegno anche dagli altri”.

Il secondo tema riguarda tutto il Paese ma anche il calcio, cioè il costo dell’energia aumentato del 400% con l’ultima crisi: “Credo che ci vogliano scelte decise”, ha detto Balata, “Da parte nostra alcune soluzioni le abbiamo già elaborate e ne discuteremo nella prossima Assemblea del 5 ottobre”.

La ministra Bonetti ha spiegato come si stia affermando sempre di più il ruolo strategico dello sport per costruire la personalità delle persone, con il calcio che rappresenta l’esperienza più capillare nel nostro Paese: “Lo sport educa, in modo integrato con le scuole, le nuove generazioni. Nella riforma del Familiy act si riconoscono come investimenti formativi fare lo sport ai propri figli e quindi sono costi soggetti al rimborso”.

Nicolato, ha posto come punto centrale il rapporto fra scuola e sport: “In altri stati lo hanno già fatto e noi invece fatichiamo nell’inserire lo sport come una materia vera che merita professionisti che la insegnino, che merita ore e che sia ritenuta importante per la crescita di un ragazzo. Prima questo era delegato ai giochi di strada, ora dobbiamo trovare nuovi spazi affinché i giovani possano allenare la propria motricità”.

SOCIAL MEDIA SOCCER

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...