,,
Virgilio Sport SPORT

Il racconto di Gyasi: "Ronaldo si è ricordato di me, ero scioccato"

Ronaldo è sempre stato l'idolo del giocatore dello Spezia, e nel match di ritorno è riuscito a parlare con lui: "Mi ha aspettato nello spogliatoio".

02-04-2021 20:20

Ci sono voluti diversi anni per vedere Emmanuel Gyasi in Serie A. Il giocatore dello Spezia è arrivato nella massima serie tardi, dopo una lunga gavetta in cui ha sognato i grandi del pallone, tra cui ovviamente Cristiano Ronaldo, avversario in stagione per due volte.

Gyasi, nato a Palermo da genitori ghanesi, ha conquistato anche la Nazionale del paese africano nelle ultime settimane, esordendo nelle qualificazioni di Coppa d’Africa nel match contro il Sudafrica. Finalmente passa alla cassa, dopo aver fatto registrare ottimi dati con la Spezia in stagione.

Quattro goal e cinque assist con la squadra di Italiano fin qui, che hanno portato Cristiano Ronaldo a ricordarsi di lui dopo la prima sfida tra Juventus e Spezia. E’ stato lo stesso giocatore ex Sudtirol a raccontare quanto successo con il lusitano ai microfoni di Joysport.

All’andata, Gyasi aveva provato a ricevere la maglia di Ronaldo senza successo: “Per me è un idolo e sognavo di giocare sullo stesso campo con lui. Non avrei mai pensato che sarebbe successo così presto. Ricordo che nella prima partita sono andato da lui e gli ho parlato, ma purtroppo non ha potuto darmi la maglia”.

Si trattava di Spezia-Juventus, terminata 4-1 per la squadra di Pirlo. Al ritorno, prima della gara, poi terminata 3-0, Gyasi era al settimo cielo: “E’ venuto da me e mi ha chiesto ‘Gyasi, come stai?’ Sono rimasto scioccato, si è ricordato di me. Era passato tanto tempo, non ci credevo. Quando è arrivato mi ha abbracciato e mi ha chiesto come stavo, ero molto felice”.

Nonostante il tris, la Juventus ha faticato contro Gyasi e compagni: “Durante il match era nervoso perchè abbiamo giocato molto bene. Anche lui sullo 0-0 aveva colpito la traversa, l’ho visto correre nel tunnel dopo il primo tempo quindi ho pensato che non avrei preso la maglia. Invece l’ho visto che mi aspettava nel mio spogliatoio, sono rimasto scioccato. Dopo la partita, ci siamo incontrati nello spogliatoio e abbiamo fatto due chiacchiere. È un grande giocatore e una grande persona”.

OMNISPORT

Il racconto di Gyasi: "Ronaldo si è ricordato di me, ero scioccato" Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...