,,
Virgilio Sport

Insigne decisivo dal dischetto: messo alle spalle il peso dei rigori falliti

Lorenzo Insigne ha segnato due volte dal dischetto contro il Bologna. I recenti rigori sbagliati sono un ricordo: “Sono andato deciso ed ho segnato”.

29-10-2021 10:00

Insigne decisivo dal dischetto: messo alle spalle il peso dei rigori falliti Fonte: Franco Romano/NurPhoto via Getty Images

Serviva una vittoria al Napoli per riprendere il Milan in vetta alla classifica del campionato di Serie A e la vittoria, la nona in dieci partite, è arrivata giovedì sera al ‘Maradona’ contro il Bologna .

I partenopei si sono imposti per 3-0 al termine di una sfida che visto Lorenzo Insigne grande protagonista per tutti i 66’ nei quali è stato in campo. Il capitano azzurro infatti, prima al 41’ ha segnato il goal del momentaneo 2-0 e poi, poco dopo l’ora di gioco, ha messo a segno anche la rete che gli è valsa la doppietta personale e che ha mandato in archivio la pratica.

Due goal pesanti e ancor più importanti se si pensa che sono stati realizzati entrambi dal dischetto. In una sola notte, Insigne si è infatti scrollato di dosso il ‘peso’ dei due rigori falliti consecutivamente contro Fiorentina e Torino (rispettivamente il 3 ed il 17 ottobre), due errori che si erano andati ad aggiungere a quello dello scorso 22 agosto contro il Venezia .

Tre rigori sbagliati in dieci turni di campionato, troppi per un giocatore come lui, per un campione che deve essere tra i trascinatori di un Napoli che sogna in grande come non accadeva da tempo.

Per lui adesso sono quattro i goal in campionato e, quasi di riflesso, sono arrivati tutti proprio da dischetto (contro Venezia , Cagliari e appunto Bologna ), cosa questa che fa di lui paradossalmente il giocatore che ha trasformato più rigori nei cinque maggiori campionati europei in questa stagione, al pari di Domenico Criscito .

Trasformando i due penalty contro i felsinei, Insigne è tra l’altro diventato il primo giocatore del Napoli ha segnare una doppietta in campionato dal dischetto dal settembre 2017 , quando la cosa riuscì a Dries Mertens (contro il Benevento).

Il capitano del Napoli, dopo il triplice fischio finale, ha voluto ringraziare Luciano Spalletti , tecnico al quale va dato il merito di non aver mai messo in dubbio il fatto che i galloni di primo rigorista spettassero al suo 24. “L’ho sempre ringraziato, la sua fiducia e quella dei compagni non è mai venuta meno. L’errore ci sta, il vero sbaglio è stato buttarsi giù ed io non posso farlo perché sono il capitano. Devo sempre dare forza ai miei compagni ed ho promesso che non accadrà più. Oggi sono andato deciso per tirare in quell’angolo e l’ho fatto. Non si studia la cosa, in settimana mi alleno a calciare su entrambi i lati. I portieri studiano chi calcia, ma io ci sono andato con decisione ed ho segnato”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...