,,
Virgilio Sport SPORT

Inter all'ultimo respiro: pazzo 4-3, Fiorentina rimontata in extremis

I nerazzurri di Conte vincono a San Siro dopo una partita al cardiopalma.

Esordio pazzo per l’Inter in Serie A: la squadra di Conte batte per 4-3 la Fiorentina al termine di una partita spettacolare, risolta solo nel finale con una rimonta in pochi minuti. I nerazzurri esultano grazie a Martinez, Lukaku, D’Ambrosio e l’autugol di Ceccherini, ai gigliati non bastano le reti di Kouamé, Castrovilli e Chiesa e la prestazione superlativa di Ribery.

LA PARTITA

Conte sorprende tenendo in panchina gli ultimi arrivati Hakimi e Vidal, dentro invece i due “problematici” Eriksen (come trequartista) e Perisic sulla fascia sinistra. Il neoacquisto Kolarov nei tre di difesa con D’Ambrosio e Bastoni. Nella Fiorentina Amrabat in campo dal 1′, tandem Ribery-Kouame in attacco.

Avvio choc dei nerazzurri:  al 4′ dormita della difesa dell’Inter sul cross di Biraghi, Kolarov non riesce a intercettare,  la palla arriva a Bonaventura che serve Kouame: 1-0 a porta sguarnita. La Fiorentina è ben messa in campo e in contropiede rischia di fare ancora male ai padroni di casa: al 9′ Biraghi colpisce male l’ottimo suggerimento di Ribery, al 17′ Handanovic respinge il tiro di Kouame, servito dal campione francese.

Al 18′ Calvarese assegna un rigore all’Inter dopo un contatto tra Lautaro e Caceres, ma un intervento del Var lo fa ritornare sui suoi passi. Milenkovic manca il raddoppio di testa sugli sviluppi di una punizione sulla trequarti.

Dopo la mezz’ora cresce sensibilmente l’Inter che comincia a spingere con convinzione, anche se manca di lucidità ed idee negli ultimi 30 metri. Prima dell’intervallo arriva comunque il pareggio nerazzurro: Lukaku innesca il contropiede, Barella serve Lautaro Martinez che di destro da fuori area trova il preziosissimo 1-1 a pochi secondi dalla fine del primo tempo.

Botta e risposta in avvio di ripresa: al 52′ l’Inter effettua il sorpasso grazie ad un’autorete di Ceccherini, che nel tentativo di deviare un tiro di Lautaro Martinez trafigge il proprio portiere. Cinque minuti dopo, il pareggio dei padroni di casa: grande azione di Castrovilli che dialoga con Ribery e poi di sinistro non lascia scampo ad Handanovic.

La partita diventa frenetica: al 61′ Perisic spreca una grande chance su lancio al bacio di Brozovic. Iachini inserisce Borja Valero, ex della sfida, e Vlahovic per Bonaventura e Kouame.

Ribery sale in cattedra al 64′ e la Fiorentina torna in vantaggio: il francese neutralizza la difesa nerazzurra con un sontuoso passaggio filtrante che trova Chiesa, bravo a superare Handanovic con un tocco sotto. Conte per raddrizzare la sfida fa esordire Hakimi e Sensi, dentro per Young ed Eriksen. L’Inter torna a pressare, Lukaku ha una grande chance al 68′ ma spreca mettendo a lato, poco dopo anche Lautaro si avvicina al gol.

La pressione diventa un assedio: Dragowski al 73′ si supera su Lukaku, un minuto dopo si ripere sul destro di Barella. Conte mette sul tavolo tutti i suoi assi inserendo sia Vidal, sia Nainggolan per Brozovic e Barella. Poi anche Sanchez per Perisic. Iachini invece si copre e toglie sia Chiesa, sia Ribery per Lirola e Cutrone.

Nel finale di partita l’incredibile uno-due che ribalta il match: all’88’ Lukaku pareggia grazie ad un assist del neo acquisto Hakimi, al 90′ arriva l’insperato 4-3 con D’Ambrosio che sugli sviluppi di un corner incorna di testa battendo di nuovo Dragowski.

OMNISPORT | 26-09-2020 22:51

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...