Virgilio Sport

Pagelle Juve-Monza 2-0: Montero vince e convince col tridente. Alex Sandro eguaglia Nedved e saluta lo Stadium

Top e flop della partita Juventus-Monza valevole per la 38° giornata di Serie A 2023/2024: i bianconeri chiudono la pratica in meno di mezz'ora. Tributo al brasiliano in partenza.

Pubblicato:

Alessio Raicaldo

Alessio Raicaldo

Sport Specialist

Un figlio che si chiama Diego e la tesi di laurea sugli stadi di proprietà in Italia. Il calcio quale filo conduttore irrinunciabile tra passione e professione. Per Virgilio Sport indaga, approfondisce e scandaglia l'universo mondo dello sport per antonomasia

Chiude bene la Juventus con il successo sul Monza che le permette di scavalcare il Bologna in classifica agganciando il terzo posto in attesa dell’Atalanta. La squadra di Montero parte subito forte trovando nella prima mezz’ora le due reti necessarie per indirizzare a proprio favore il match. Le segnano Chiesa prima e Alex Sandro poi, col brasiliano all’ultima partita in bianconero. Nel finale espulso Zerbin tra i biancorossi che provano almeno a ridurre il divario senza riuscirci.

Juventus-Monza, la chiave della partita

Serviva l’ultima di campionato e forse un nuovo allenatore per vedere la Juventus col tridente. Chiesa e Yildiz insieme in campo per la prima volta dal primo minuto con Milik centravanti. Turnover anche per il Monza che rinuncia a Djuric preferendogli Mota da prima punta. Ad inizio gara premiati Di Gregorio e Vlahovic rispettivamente come miglior portiere e miglior attaccante del torneo. Bianconeri aggressivi nel rubar palla per costringere i biancorossi a stare bassi. Uno spunto di Chiesa regala l’1-0 al team di Montero.

Il raddoppio arriva poco dopo ed è un segno del destino. Lo firma Alex Sandro, nel giorno dell’addio, con anticipo di testa su Dany Mota da calcio d’angolo. Nella ripresa entra Pinsoglio e si becca l’ovazione del pubblico per un paio di parate tra le quali una senza dubbio di livello. I bianconeri vanno vicini al tris con Chiesa che becca un legno (secondo della gara dopo quello di Fagioli nel primo tempo). Nel finale sono i brianzoli ad attaccare di più, senza però trovare la maniera di bucare la porta dei piemontesi. Ma anzi rimediando un rosso al 90′ con Zerbin.

Clicca qui per rivivere le emozioni del match

Alex Sandro come Nedved: il saluto al pubblico

La 38esima di campionato è spesso e volentieri occasione per i tifosi di salutare i sicuri partenti. Nella Juventus il più attenzionato era Alex Sandro, il cui contratto è in scadenza a giugno e non verrà rinnovato. Il difensore brasiliano ha raggiunto Pavel Nedved come straniero con più presenze nella storia del club bianconero e si è preso l’applauso del pubblico nel momento della sostituzione. Inevitabile la commozione durante l’uscita dal campo col giocatore che non ha saputo trattenere le lacrime

Izzo e Yildiz, un feeling che non sboccia

Uno dei temi della gara è stato il duello, talvolta molto acceso, tra il monzese Izzo e lo juventino Yildiz. I due si pizzicano a lungo nel corso della partita: le scintille diventano di dominio pubblico dopo circa un’ora di gioco a causa di un brutto fallo del difensore sull’attaccante. Dalla panchina dei bianconeri arrivano consigli al turco: evitare il battibecco con l’avversario.

Top e flop della Juventus

  • Alex Sandro 7 Come Danilo sta molto alto per consentire alla squadra immediata riaggressione. Sublima la sua prestazione all’ultima all’Allianz Stadium col ritorno al gol.
  • Fagioli 7 Ha voglia e si vede. Con lui in cabina di regia la palla gira più velocemente.
  • Weah 5,5 Tra i meno convincenti. Sua l’ingenuità nel finale che poteva costare un penalty ai bianconeri.

Top e flop del Monza

  • Djuric 6 Il suo ingresso ha dato al Monza un riferimento offensivo assai utile. Il gigante bosniaco ha anche sfiorato il gol di testa.
  • Colpani 5,5 Spalletti lo ignora, Palladino lo boccia dopo 45 minuti. Non un momento straordinario per il 25enne bresciano.
  • D’Ambrosio 5 Si fa bruciare da Chiesa in occasione del vantaggio juventino.

Juventus-Monza: il tabellino del match

Reti: 25′ Chiesa, 28′ Alex Sandro

JUVENTUS (3-4-3): Perin (dal 46′ Pinsoglio); Danilo, Rugani, Alex Sandro (dal 74′ Djalò); Weah, Fagioli (dal 78′ Nicolussi Caviglia), Alcaraz, Iling.Jr; Chiesa, Milik (dal 73′ Vlahovic), Yildiz (dall’88’ Miretti). All. Montero. A disp. Szczesny, Bremer, Gatti, Locatelli, Kostić, McKennie, Kean.

MONZA (3-4-2-1): Sorrentino; D’Ambrosio, Izzo, Mari; Birindelli (dal 65′ Zerbin), Pessina, Gagliardini (dal 46′ Bondo), Pereira (dal 74′ Kyriakopoulos); Colpani (dal 46′ Djuric), Carboni (dall’81’ Ferraris); Mota. All. Palladino. A disp. Di Gregorio, Mazza, Gori, Donati, Caldirola, Carboni, Akpa-Akpro, Vignato, Colombo, Caprari.

Arbitro: Maria Sole Ferrieri Caputi di Livorno

Ammoniti: 37′ Carboni (M), al 63′ Yildiz (J)

Espulso: al 90′ Zerbin (M)

Recupero: 1′ pt; 4’st

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...