,,
Virgilio Sport SPORT

Le domande senza risposta sulla strage dell'ex NFL Phillip Adams

L'ex campione, Phillip Adams, ha commesso una strage senza spiegazione: dopo aver assassinato l'ex medico, sua moglie e i nipoti di 9 e 6 anni e un tecnico si è sparato

Quanto accaduto a Rock Hill ha gettato nella disperazione l’intera comunità, che conosceva e stimava Robert Lesslie, il medico 70enne ucciso dall’ex giocatore della NFL, Phillip Adams. Sulle sue responsabilità, stando alle dichiarazioni rilasciate nella conferenza stampa dallo sceriffo e riportate dalla CNN, non vi sono dubbi: sarebbe stato lui a uccidere il dottore, sua moglie Barbara, 69 anni, due nipoti di 9 e 6 anni e uno dei tecnici che stavano riparando l’impianto di aria condizionata all’esterno della abitazione di Lesslie.

La strage senza un perché: Adams ha ucciso 5 persone

Una sesta persona sarebbe rimasta ferita ed è ricoverato in ospedale, dove lotta tra la vita e la morte secondo quanto riferito dalla CNN. Una strage assurda e su cui si interrogano lo sceriffo e le forze dell’ordine intervenute anche se sembrano propense a ritenere autore unico della strage l’ex giocatore. Adams, infatti, è stato invece rinvenuto poco distante: si è ucciso con la stessa pistola calibro 45 con cui avrebbe realizzato la strage.

Adams era un giocatore della NFL, come confermato alla CNN giovedì da un funzionario dello Stato della Carolina del Sud. In qualità di giocatore ha giocato come difensivo dal 2010 al 2015 per squadre tra cui San Francisco 49ers, Seattle Seahawks, Oakland Raiders, New York Jets e Atlanta Falcons.

La storia di Adams era però stata segnata anche da numerosi infortuni, tra cui una serie di commozioni cerebrali e una frattura alla caviglia sinistra che ne avevano condizionato la carriera agonistica.

I punti oscuri della strage di Adams

Kevin Tolson, sceriffo della contea, ha detto che mercoledì pomeriggio Phillip Adams , 32 anni, ha sparato a due tecnici dell’aria condizionata fuori – uccidendone uno – poi si è fatto strada nella casa del dottor Robert Lesslie a Rock Hill.

“Non c’è niente in questo momento che abbia senso per nessuno di noi”, ha detto lo sceriffo ai giornalisti che lo hanno interpellato più volte senza avere risposte specifiche su che cosa sia accaduto. “Probabilmente abbiamo più domande di te su questo caso”, ha risposto lo sceriffo.

Una replica che non ha certo spento le polemiche seguite e legate all’attenzione crescente nei confronti di questa terribile strage, solo quando è stata confermata l’identità e la notorietà dell’autore di questo terribile e inspiegabile gesto.

VIRGILIO SPORT | 09-04-2021 12:28

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...