Virgilio Sport

Materazzi, frecciata a Inzaghi e bordate a Ibrahimovic

Matrix sogna di diventare un giorno allenatore dell'Inter e ricorda il 5 maggio

Pubblicato:

Una valanga di aneddoti, rivelazioni, frecciate e polemiche. Marco Materazzi è fatto così, senza peli sulla lingua. L’ex difensore dell’Inter si confessa in una lunga diretta Instagram con 7 Corriere e parte dall’arrivo di Simone Inzaghi sulla panchina nerazzurra. Parte la prima bordata: Tutti sono scettici su Simone, intanto ci deve ridare lo scudetto del 5 maggio. L’Inter ha l’opportunità di mantenersi al vertice, Simone ha fatto talmente bene che il suo lavoro è rimasto sottotraccia: è uno dei più preparati tra i giovani allenatori italiani, ora deve fare il salto”.

Poi Matrix rivela un aneddoto su Mourinho: “Ho pensato di fare il tecnico, ho fatto tutti i corsi poi ho detto che è facile. Vorrei iniziare dall’inter, ma prima servirebbe la gavetta. Mourinho? I matrimoni si fanno sempre un due, io so per certo che sarebbe venuto a piedi due anni fa. Poi hanno scelto Conte che da juventino ha fatto tantissimo per l’Inter e va ringraziato. Le sue parole ‘ho capito cosa significa l’Inter’ sono state le più significative. Ha creato un gruppo granitico, io già a dicembre dicevo che l’Inter avrebbe superato il Milan, in tanti mi deridevano, poi ho avuto ragione io perché l’Inter ha la squadra più forte”.

Il discorso si sposta poi su Zlatan Ibrahimovic con cui ha avuto parecchi screzi: “Quando era all’Inter il rapporto era buono, poi lui ha cambiato strada. In campo si prendono e si danno. Si potrebbe evitare di andare sui social a rivangare il passato perché non ha senso. Poteva evitarlo, io lo rispetto come giocatore e lo ringrazio per quello che mi ha fatto vincere quando era con noi e quando è andato via. Gli faccio i complimenti perché sta facendo la differenza a 40 anni, tanto di cappello.

Non finisce qua, Materazzi ha voglia di raccontare tutto: “Abbiamo discusso diverse volte con Roberto Mancini, fortunatamente ci hanno sempre divisi e non siamo mai arrivati allo scontro fisico. È bastato poco per entrare nella sue grazie vincendo il Mondiale. Avrei voluto vedere Totti all’Inter, purtroppo non c’è stato modo. Come De Rossi”

E infine: “Io al Milan? Ho resistito e ringrazio chi mi ha permesso di restare, in questo caso Facchetti. Sarei andato più per orgoglio che per tradire. Non potevo dire di no a Giacinto, alla fine è andata bene. Poi ho avuto fortuna di giocare il Mondiale per l’infortunio di Nesta”.

Materazzi, frecciata a Inzaghi e bordate a Ibrahimovic Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...