,,
Virgilio Sport SPORT

Matteo è tornato a vivere grazie al sitting-volley

Colpito da displagia spastica un 22enne sardo può gioire: "Finalmente ho una visione del mondo bella aperta".

Lo sport unisce, ma non soltanto. A volte riesce anche a fare il “miracolo” di fare ritornare a vivere. Nel caso di Matteo Scalas, 22 anni, di Serramanna, comune della Provincia del Medio Campidano, in Sardegna, il sitting volley rappresenta la chiave che, in poco tempo, gli ha permesso di avere davvero una vita. A raccontare la sua toccante storia è stato il sito castedduonline.

Da quando è nato, Matteo cammina sulle punte, nel senso letterale del termine: la diplegia spastica, infatti, ostacola le comunicazioni tra il cervello e le gambe se non addirittura le blocca. Dopo tante operazioni mediche, adesso Matteo cammina meglio. E, grazie allo sport, ha anche una nuova vita. “Stavo chiuso in casa, senza una vita sociale. Attraverso il sitting volley ho stretto molti legami che non restano limitati al campo da gioco, ma proseguono anche fuori. Finalmente ho una visione del mondo bella aperta. Cagliari è però una città non ancora a misura di disabile”, ha raccontato Matteo.

“Ci sono troppi gradini, anche davanti ai locali, e per me è difficilissimo scenderli senza appoggiarmi a qualcuno o a un corrimano, perché a causa della mia disabilità perdo l’equilibrio. Da grande vorrei fare il tecnico informatico, è un lavoro che mi piace e che si può fare da seduti” ha aggiunto il giovane sardo.

A sitting volley per la prima volta si giocò nei Paesi Bassi. La differenza principale rispetto alla pallavolo tradizionale è il fatto che i giocatori sono seduti nel campo, di dimensioni inferiori rispetto a quello normale con una rete posta a altezze inferiori: 110 cm per gli uomini, 105 cm per le donne.

Il gioco si svolge in una palestra, fra 2 squadre composte ciascuna da 6 giocatori (e 6 riserve), con un campo di 6 m per 10 m. Pur potendo competere anche i cosiddetti atleti standing (cioè amputati, ma in grado di stare in posizione eretta), la regola principale della sitting volleyball consiste nel fatto che un atleta al momento in cui tocca la palla deve avere il sedere a contatto con il terreno di gioco. Il regolamento della pallavolo paralimpica consente agli avversari di murare il servizio avversario, a patto che i difensori mantengano la posizione seduta.

SPORTAL.IT | 27-11-2017 06:55

Matteo è tornato a vivere grazie al sitting-volley Fonte: ANSA

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...