Virgilio Sport

Milan, Stefano Pioli ha un dubbio sulla formazione per l'Atalanta

Il tecnico rossonero dà la carica alla squadra in vista della sfida di domani sera al Gewiss Stadium di Bergamo.

Pubblicato:

Domani sera il Milan si giocherà la qualificazione in Champions League nella partita al Gewiss Stadium di Bergamo contro l’Atalanta già qualificata. Il tecnico rossonero Stefano Pioli ha parlato nella tradizionale conferenza stampa della vigilia toccando, come al solito, moltissimi argomenti.

“E’ stata una settimana particolare, fino a mercoledì la delusione c’era, ma poi è stata trasformata in emozione, motivazione e concentrazione – dice Pioli -. C’è anche un po’ di tensione, è giusto che ci sia. Forza mentale, compattezza e qualità. Senza qualità non si vincono certe partite. Sangue freddo e grande spirito. Il Milan ci deve credere perché ha dimostrato in tutto il campionato di essere molto forte e vicino alle più forti. Ha le qualità per crederci, lo spirito, gli atteggiamenti e la volontà da grande squadra. E’ dal 17 settembre che giochiamo ogni 4-5 giorni, non ci siamo mai arresi, ma ora serve l’ultimo sforzo“.

“Mi aspetto che l’Atalanta giocherà al massimo, da più anni sta dimostrando di essere molto forte, ma dovremo giocarla così anche noi – continua Pioli -. La settimana è stata piena di colloqui individuali e collettivi, ma la motivazione è massima. Siamo arrivati fin qui per giocarci un obiettivo. I tifosi hanno lottato, sofferto e sono rimasti delusi, ma è il momento di rimanere uniti e fare il massimo”.

Poi uno sguardo alla formazione che potrà schierare e una panoramica sugli infortuni stagionali: “Rebic più no che sì per un problema muscolare al polpaccio e non si è allenato stamattina ma vediamo domani, gli altri sono in buonissime condizioni. L’importanza di Ibrahimovic nella crescita è evidente, domani partono tutti e 26 i giocatori, tutto il club. Non saranno con noi i tifosi ma è come se lo saranno, ci sono tutte le condizioni per fare bene. Zlatan sarà sicuramente con la squadra ma non in panchina. Gli infortuni sicuramente hanno inciso, abbiamo avuto due blocchi di infortuni con dei reparti completi fuori per alcune partite. Questo ci ha impedito di fare le giuste rotazioni. Da lunedì andrà valutato il lavoro fatto e su cosa si potrà migliorare”.

Quindi ci sono parole al miele per la dirigenza del Milan: “La società ci ha sempre sostenuto con grande presenza e fiducia nel nostro lavoro. L’ha fatto dall’inizio dell’anno e in questa settimana, com’è giusto che sia per un club che ritiene si sia fatto un lavoro importante durante l’anno. Abbiamo le qualità per essere una squadra attenta e lucida per cogliere al volo qualsiasi occasione ci possa capitare”.

Infine, un elogio ai suoi ragazzi e uno sguardo sul futuro, che dipenderà molto dalla partita di domani: “Un voto alla squadra? No, le valutazioni si fanno alla fine. Domani è troppo importante, i voti li darete voi. Non conta niente dove siamo oggi. Oggi saremmo meritatamente in Champions, ma conta dove saremo domani sera. La mia è una squadra che non ha mai avuto paura. La paura è come il fuoco, se la controlli ti scalda oppure ti vai a bruciare. Abbiamo affrontato altre partite così delicate, la squadra ha sempre dimostrato un atteggiamento mentale positivo. Non ci siamo mai abbattuti, questa settimana ho visto le cose giuste. Il mio futuro è la partita di domani. Dobbiamo ragionare tutti così. Sul futuro inizieremo a ragionarci da lunedì“.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...