,,

Virgilio Sport

Mondiali, dopo Martinenghi vince anche la Pilato: oro e riscatto

La giovane campionessa del nuoto italiano si è riscattata dopo la brutta Olimpiade a Tokyo 2020, vincendo la finale dei 100 rana.

20-06-2022 20:25

Benedetta Pilato si riscatta dopo le Olimpiadi di Tokyo 2020. La giovane campionessa del nuoto italiano, che in Giappone è stata squalificata dopo aver ottenuto qualche mese prima il record del mondo nei 50 rana, si è regalata una strepitosa giornata ai Mondiali di Budapest. Grande giornata per il nuoto italiano, dopo la vittoria di Ceccon nei 100 dorso con tanto di record del mondo. 

Mondiali nuoto, oro nei 100 rana per la Pilato

Benedetta Pilato ha trionfato in finale nei100 rana, vincendo così la medaglia d’oro. La tarantina del 2005 ha battuto la tedesca Anna Elendt di 5 centesimi e l’olimpionica di Londra, Ruta Meylutite da 1’06″02, sotto il podio la regina di Rio Lilly King.

Benedetta Pilato, riscatto dopo Tokyo 2020

Oggi c’è stata la consacrazione definitiva di Benedetta Pilato, che all’età di appena 17 anni ha trionfato ai Mondiali, cancellando così i commenti di tutti coloro che l’avevano etichettata come nuotatrice adatta solo ai 50 rana. Ma soprattutto la pugliese si è riscattata dopo Tokyo 2020, quando nelle batterie dei 100 rana venne squalificata al termine di una prestazione decisamente sottotono.

Benedetta Pilato ha esultato e poi è scoppiata in un pianto liberatorio dopo mesi difficili e la pressione da sopportare. Adesso ha finalmente dimostrato di essere grande anche quando conta, proprio come Federica Pellegrini. E la tarantina, come la “regina”, è molto precoce e può regalare grandi emozioni agli italiani nei prossimi anni.

Oro ai Mondiali, le parole della Pilato

Incredula Benedetta Pilato al termine della finale: “Era la mia prima finale mondiale nei 100 rana e già ero contenta di averla raggiunta. Aver vinto è davvero sorprendente. Prima della gara piangevo di gioia per Ceccon che mi ha fatto rivivere le sensazioni provate quando ho stabilito il record mondiale e adesso eccomi qua con l’oro al collo – ha detto ancora la 17enne tarantina -. Sono stracontenta e soddisfatta del mio lavoro e del mio percorso. Sto crescendo anche se resto sempre la più piccola della squadra, quindi me la godo. Siamo una nazionale fortissima. Siamo uniti, vinciamo, sembra venire tutto facile”.

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...