Virgilio Sport

Morto Luisito Suarez, addio al regista gentiluomo della grande Inter

Scompare a 88 anni il faro dell'Inter di Herrera, unico spagnolo a vincere il Pallone d'oro

09-07-2023 10:16

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Nuovo lutto nel mondo del calcio. E’ morto – dopo una breve malattia – all’età di 88 anni Luisito Suarez, uomo-faro della Grande Inter di Helenio Herrera che vinse due coppe dei campioni e due coppe intercontinentali a metà degli anni Sessanta.

Morto Suarez, Moratti lo pagò 300 milioni nel 1961

Era esploso nel Barcellona Suarez: 176 partite con 80 reti tra il 1954 e il 1961, anno in cui il presidente dell’Inter Angelo Moratti lo regalò ad Herrera investendo una cifra record per l’epoca, 300 milioni. Soldi ben spesi perché Suarez divenne decisivo per i successi dei nerazzurri. Un signore in campo e fuori, un gentiluomo d’altri tempi che però aveva sempre la battuta (anche velenosa) pronta.

Morto Suarez, la carriera da calciatore e da allenatore

Nato a La Coruña, Suarez fu il primo (e unico) spagnolo a vincere il Pallone d’oro come miglior calciatore europeo nel 1960. In nove anni con l’Inter vinse anche tre scudetti, e nel 1964 conquistò il suo personale triplete: coppa dei campioni e intercontinentale in nerazzurro, e campionato d’Europa con la nazionale spagnola. Concluse la carriera da calciatore nella Sampdoria e fu poi allenatore.

Morto Suarez, da allenatore vinse Europeo U.21 contro l’Italia

La maggiore soddisfazione in panchina è stato il titolo di campione d’Europa Under 21 vinto ai rigori sull’Italia di Vicini (quella con Vialli, Mancini e Giannini) nel 1986. Luisito ha guidato pure la nazionale maggiore al nostro Mondiale 1990. Nel suo curriculum anche tre esperienze sulla panchina dell’Inter, prima subentrando a Enea Masiero (suo ex compagno di squadra) nel campionato 1974-75, poi nel 1992 e nel 1995, furono di breve durata. Ma Massimo Moratti lo volle inserire nello staff della sua Inter tra gli osservatori di fiducia. Zamorano e Recoba sono due dei giocatori visionati e consigliati da Luisito.

Successivamente Suarez divenne apprezzato opinionista sportivo, tanto in Italia come in Spagna dove è apparso in tv anche recentemente: tanto preciso nei lanci come tagliente con la lingua, Suarez si dimostrò fuoriclasse anche davanti alle telecamere.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Inter - Genoa

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...