Virgilio Sport

Nazionale, Donnarumma torna a Milano: tutta l’emozione di Gigio

Il portierone della Nazionale Gigio Donnarumma scenderà in campo mercoledì contro la Spagna in un San Siro pieno. Come sarà la sua accoglienza?

Pubblicato:

La Nazionale italiana guidata da Roberto Mancini si è radunata oggi ad Appiano Gentile per preparare la partita con la Spagna di mercoledì, incontro valido per le semifinali di Nations League, dove l’Italia è impegnata assieme a Belgio, Francia e appunto Spagna. In conferenza stampa ha parlato poco fa Gianluigi Donnarumma, detto Gigio, portiere del PSG e Campione d’Europa ad Euro 2020 proprio con gli azzurri. 

Donnarumma si è trasferito a Parigi dal Milan a parametro zero dopo la scadenza del suo contratto coi rossoneri il 30 giugno, e ora dovrà tornare a San Siro dove, come scrive oggi il Giornale: “dovrà parare anche i fischi oltre ai tiri spagnoli”. Lo stesso Donnarumma è già preparato alla cosa anche se spera che la situazione andrà diversamente: “Io al Milan ho dato sempre tutto, fino all’ultimo, succedesse una cosa del genere mi dispiacerebbe anche perché è una gara importantissima, una semifinale di Nations League, quindi spero i tifosi possano aiutarci”.

La conferenza stampa vera e propria inizia parlando del Milan e della Serie A:

“Sono emozionato, Milano e il Milan sono una parte importante della mia vita. Sono emozionato, spero non ci sia nulla. Poi siamo qui in una semifinale di Nations League, una competizione a cui teniamo […] Con Paolo (Maldini, ndr) non c’è alcun tipo di problema, gli ho fatto i complimenti anche ieri sera. Mi fa piacere incontrare di nuovo i miei compagni, con lui parlerò tranquillo, scherzando, e poi non ci sono problemi. Siamo persone adulte […]Seguo sempre la Serie A, quando posso la seguo sempre. E’ molto equilibrata, ci sono un po’ di squadre che possono dire la loro nella competizione. E’ un torneo molto equilibrato, ci sono un po’ di squadre che mi hanno impressionato. Sarà molto bello seguirla […] Sono contento del percorso che sta facendo il Milan, sarò sempre un tifoso del Milan. Sono contento di Pioli, lo sento spesso. Negli ultimi due mesi e mezzo sono migliorato tanto nella consapevolezza, sono diventato più uomo e cresciuto tanto. Ora pensiamo alla semifinale di Nations League, speriamo di portare avanti il percorso nel migliore dei modi”.

In questo primo periodo sotto la Tour Eiffel, Gigio non sta trovando molto spazio, finendo spesso relegato in panchina in favore del più esperto Keylor Navas. Donnarumma parla quindi della sua esperienza fino a questo momento al Parco dei Principi:

“Non temo di perdere il posto in Nazionale. Non c’è nessun problema. Sono a Parigi per giocare, è normale all’inizio ci sia un po’ di queste cose qui. Sono lì per giocare e sono sicuro che andrà tutto alla grande, non ho alcun problema per la Nazionale. Vado avanti per la mia strada, spero tutto possa andare per il meglio […] Gli allenamenti al PSG sono situazioni che ti fanno migliorare tanto, a volte ci sono anche sfide e quello ti fa crescere. Allenarsi con tutti questi campioni ti aiuta a crescere sia a livello umano che calcisticamente. E’ una bella sfida, ma non sono tutti gol… (ride, ndr) Sono contento di allenarmi con loro e crescere, di andare avanti in questa mia nuova sfida. Cerco sempre di dare il massimo […] Più forte il PSG o l’Italia di Mancini? Sono due squadre completamente diverse. Con l’Italia abbiamo un modo di giocare ben preciso, con mister Mancini abbiamo una identità ben precisa e siamo molto contenti per come sono andate le cose. Quando arriviamo ci mettiamo sempre a disposizione del ct, stiamo bene insieme e a volte non vediamo l’ora di venire qui per stare insieme, questo è importante. Sono due situazioni diverse, non credo si possano mettere a confronto […] Ho trovato uno spogliatoio molto compatto, si sta molto bene. Ci sono tanti campioni ma stiamo bene insieme, ma viviamo tranquillamente. Ci alleniamo col sorriso, con la voglia di aiutarci”.

Gigio poi si concentra su se stesso e sulla Spagna, parlando della Roja e dei punti in cui tecnicamente lui stesso può ancora migliorare:

Ci aspettiamo la stessa squadra affrontata durante l‘Europeo, cerchiamo di migliorare le situazioni dove potevamo fare meglio. Non sarà una gara semplice, all‘Europeo fu difficile, c’è voluto tanto di noi stessi per avere la meglio. Anche ora servirà il 110% per batterli […] C’è sempre da imparare e migliorare. Il mio obiettivo è andare sempre più in alto, c’è sempre da imparare con l’allenatore dei portieri. Ci confrontiamo ogni allenamento e cerchiamo di capire su cosa devo migliorare e su cosa posso lavorare. C’è un ottimo feeling tra di noi, cerchiamo di strutturare l’allenamento nel modo migliore. Con gli allenatori nuovi c’è un confronto diverso e questo mi fa piacere per la mia crescita”.

Infine, un commento doveroso sui brutti episodi di ieri al Franchi e sulla crescita del suo ex compagno Manuel Locatelli:

“Noi giocatori siamo con lui, siamo contro ogni discriminazione. E’ una vergogna sentire ancora queste cose, siamo con Koulibaly e seguiamo ogni indicazione per combattere il razzismo […] Faccio tanti auguri a Locatelli, l’ho visto stamattina e l’ho abbracciato. Ho visto la foto di ieri sera, ora mi farò vedere qualche video della sua proposta. Per me siamo lì lì, vi farò sapere…”.

Appuntamento dunque mercoledì 6 ottobre alle 20.45 per Italia-Spagna, semifinale di Nations League.

Nazionale, Donnarumma torna a Milano: tutta l’emozione di Gigio Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...