Virgilio Sport

Non solo Pelè, quanti morti illustri nel 2022, da Gento a Raiola a Mihajlovic

Si chiude un anno caratterizzato da addii dolorosi nel mondo del calcio, la Perla Nera l'ultimo di una lunga lista

Pubblicato:

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

La scomparsa di Pelè, morto a 82 anni il 29 dicembre dopo una lunga lotta contro un tumore al colon, ha chiuso un anno triste per il mondo del calcio che oltre alla Perla Nera ha visto la scomparsa di tanti altri grandi. Questi i principali eventi luttuosi del 2022.

Prima di Pelè a gennaio muore Gento, ex Real

18 gennaio 2022: Muore Francisco (Paco) Gento. Una leggenda del Real Madrid e del calcio, semplicemente. In carriera ha vinto 23 trofei in 18 stagioni con le merengues tra cui 6 Coppe dei Campioni e 12 Liga. Con la Spagna ha partecipato a due Mondiali.
Il 25 gennaio muore Wim Jansen. L’ex centrocampista olandese è stato una bandiera del Feyenoord con cui ha vinto la Coppa Campioni nel 1970, oltre al campionato da giocatore e poi da allenatore. Con l’Olanda è stato finalista ai Mondiali nel 1974 e nel 1978.

Prima di Pelè ad aprile muore Rincon, ex Napoli

Il 10 marzo muore Jürgen Grabowski che con l’Eintracht Francoforte ha segnato oltre 100 gol , vincendo la Coppa UEFA con il club tedesco. Con la Mannschaft vinse Euro 1972 e poi i Mondiali del 1974, dopo essere stato finalista nel 1966 e terzo nel 1970.
Il 13 aprile muore a soli 55 anni Freddy Rincon (COL). L’ex stella del calcio colombiano e capitano della nazionale ha preso parte a tre Mondiali, ha giocato con Napoli e Real Madrid, e ha vinto il primo Mondiale per club nel 2000 con il Corinthians. È morto per le ferite riportate in un incidente stradale.

Prima di Pelè a luglio muore Seeler

Non è un calciatore ma gestiva parecchio del mondo del calcio. Il 30 aprile muore Mino Raiola a 54 anni. Famoso agente di calciatori, aveva in scuderia Pavel Nedved, Zlatan Ibrahimovic, Paul Pogba ed Erling Haaland.
Il 21 luglio mure Uwe Seeler (GER), 85 anni. Una delle leggende del calcio tedesco. L’attaccante ha indossato la maglia dell’Amburgo per tutta la sua carriera e ha vinto il titolo nel 1960. Autore di 137 gol in Bundesliga, Seeler ha segnato anche in quattro diversi Mondiali ed è arrivato secondo nell’edizione del 1966

Prima di Pelè muoiono Chalana e Mihajlovic

Il 10 agosto muore Fernando Chalana, 63 anni, 27 presenze, 2 gol. Sei volte campione con il Benfica, due volte giocatore dell’anno in Portogallo, l’esterno mancino è una delle leggende del club di Lisbona. Nel 1984, dopo un superbo europeo, fu reclutato dal Bordeaux per una cifra poi record in Francia.

Il 7 settembre muore Piet Schrijvers. Portiere dell’Ajax Amsterdam per quasi dieci anni è stato cinque volte campione d’Olanda e ha disputato due Mondiali con la sua nazionale, finalista nel 1974 e nel 1978. Infortunato, non ha giocato la finale del ’78, persa contro l’Argentina (1-3 d.t.). ). È anche arrivato terzo in Euro 76.

Il 26 novembre muore Fernando Gomes, 66 anni.. Capocannoniere nella storia del Porto, con più di 300 gol, ha vinto la Coppa dei Campioni con il club portoghese nel 1987, in particolare, e cinque campionati. Ha vinto anche due volte la Scarpa d’Oro, nel 1983 e nel 1985.
Il 16 dicembre muore Sinisa Mihajlovic a 53 anni. Un sinistro straordinario, il miglior marcatore su punizione della storia della Serie A e un palmarès superbo per il difensore: una Coppa dei Campioni, una Coppa delle Nazioni e due Campionati Italiani.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...