Virgilio Sport

Olimpiadi Pechino 2022, Visintin bronzo: il riscatto dopo l'intervento

Omar Visintin ha subito una caduta il 10 dicembre 2021: Olimpiadi a rischio. Poi l'intervento e la riabilitazione record che lo ha portato alla medaglia: la storia

10-02-2022 12:51

“Torno presto”, aveva promesso Omar Visintin quando l’entità delle conseguenze della sua caduta si palesarono e le Olimpiadi di Pechino 2022 sembravano lontanissime. Eravamo a dicembre, appena due mesi fa. Oggi Visintin celebra un bronzo straordinario, che si è guadagnato a 32 anni, nello snowboard cross maschile, la stessa disciplina che 24 ore prima aveva visto la debacle di Michela Moioli .

In lacrime, dopo la caduta che ne ha segnato l’uscita di scena, un impatto terribile e sofferto a 4 anni dall’oro che l’aveva investita di una gioia totale e che l’aveva indicata come portabandiera. Lacrime che oggi segnano Visintin, per una ragione opposta.

Pechino 2022: il bronzo di Omar Visintin nello snowboard cross

Invece è andata diversamente. E l’esplosione di gioia, quasi inaspettata, ce l’ha regalata Omar Visintin, protagonista della prima storica medaglia azzurra maschile in questo sport alle Olimpiadi che- a titolo personale – gli hanno consentito di poter cancellare le delusioni di Sochi 2014, Giochi interrotti da una caduta in semifinale, e Pyeongchang 2018.

La carriera di Omar Visintin

Eppure Visintin domina la disciplina da anni. Si è tolto delle soddisfazioni incredibili, in una carriera straordinaria a cui mancava però il coronamento di una medaglia olimpica che l’altoatesino ha inseguito senza remore, soffrendo gli ostacoli che si sono frapposti tra lui e quell’obiettivo.

Vanta 17 podi individuali (con otto vittorie) in Coppa del mondo nello snowboard cross e quattro podi a squadre. Nel 2014, a 24 anni, ha vinto la Coppa del mondo generale in questa disciplina, primo azzurro.

Pechino 2022:  Omar Visintin e il terribile infortunio di dicembre

Ma Omar ha rischiato, ancora una volta, di assistere all’ennesimo epilogo triste, a causa di quella caduta. Il suo è un bronzo che potrebbe essere definito epico, ma forse non rende l’entità di questa sfida individuale che Visintin ha combattuto con al fianco lo staff medico della FISI, che lo ha sostenuto e guidato nel percorso di riabilitazione.

Il 10 dicembre scorso, durante un sorpasso sulla pista di Montafon, in Austria, Visintin è scivolato: nella caduta ha riportato un trauma cranico con commozione cerebrale e una frattura al gomito. Si è quindi sottoposto a un intervento chirurgico al gomito sinistro presso l’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, l’equipe dei dottori Riccardo Accetta, Andrea Panzeri e Gabriele Thiebat ha ridotto la lussazione e sintetizzato un frammento osseo dello snowboarder, che dopo un mese e qualche giorno è tornato sulla neve.

Un recupero incredibile, di volontà del Baffo di Merano come viene chiamato spesso Visintin. Chi gli ha appiccicato questo soprannome, lo lega al suo aspetto e a una scelta che fino a questo momento ha premiato l’altoatesino.

VIRGILIO SPORT

Olimpiadi Pechino 2022, Visintin bronzo: il riscatto dopo l'intervento Fonte: ANSA

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lazio - Milan

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...