Virgilio Sport

Luis Diaz, incubo finito: il padre è stato liberato dai sequestratori

Dopo dodici giorni di paura, il papà del giocatore del Liverpool è stato liberato dal commando militare: il rilascio alle Nazioni Unite e alla Chiesa

10-11-2023 11:25

Antonio Salomone

Antonio Salomone

Giornalista

Giornalista pubblicista. Lo affascinano, da sempre, le categorie minori e i talenti in erba. Ha fiuto per la notizia e per gli emergenti. Calcio, basket, motori: ci pensa lui

L’incubo è terminato, il padre di Luis Diaz è stato liberato dal gruppo guerrigliero Esercito di Liberazione Nazionale nel dipartimento di La Guajira, nel nord della Colombia. Dodici giorni di agonia per un rapimento che era stato definito un errore dagli stessi rappresentanti del commando: “Lucho è un simbolo del Paese, questo è ciò che noi dell’Eln pensiamo di lui. Speriamo che la situazione operativa sul terreno possa essere risolta, questa è l’indicazione dei comandanti per accelerare il rilascio”.

Il rilascio del padre di Luis Diaz

L’ELN ha consegnato Díaz a una commissione umanitaria delle Nazioni Unite e della Chiesa cattolica nella catena montuosa del Perijá, vicino alla città di Barrancas, nel dipartimento caraibico di La Guajira, dove era stato rapito il 28 ottobre. Una volta verificato il suo stato di salute, è stato portato in elicottero a Valledupar, capoluogo del dipartimento di Cesar.

“Ringraziamo Dio per la liberazione del signor Luis Díaz! Monsignor Francisco Ceballos, vescovo di Riohacha e monsignor Héctor Henao, delegato per le relazioni tra Chiesa e Stato, che hanno formato la commissione umanitaria incaricata di facilitare il suo rilascio, sono già con lui”, ha pubblicato il profilo ufficiale della Conferenza episcopale colombiana intorno alle 11.10 locale.

Le foto di Luis Manuel Diaz e le parole del Presidente colombiano

L’Episcopato ha accompagnato la pubblicazione con due foto che mostrano il padre del calciatore, con un cappellino sportivo, mentre viene assistito da personale della Missione ONU in Colombia e accompagnato dai due vescovi. L’elicottero MI8 di fabbricazione russa con la commissione umanitaria che ha accolto il padre di Luis Díaz in una zona montuosa del nord del Paese dal Fronte di Guerra del Nord dell’ELN è partito dall’aeroporto Alfonso López di Valledupar.

L’aereo è atterrato alle 11:08 ora locale e pochi minuti dopo l’uomo appena liberato è sceso con le proprie forze e ha camminato verso un veicolo che lo attendeva sulla pista per essere portato, presumibilmente, in un centro medico. Dopo i vari accertamenti dovrebbe essere trasportato a Barrancas, la città natale. Viva la libertà e la pace, ha commentato il Presidente colombiano Gustavo Petro ripubblicando una notizia sul rilascio.

La mobilitazione dei cittadini e il messaggio del figlio Luis Diaz

Domenica 5 novembre, decine di cittadini di Barrancas si sono mobilitati per chiedere il suo rilascio. Tutta la comunità ha fatto sentire il proprio appoggio in questi giorni lunghi e drammatici, in cui il commando militare aveva portato via anche la mamma di Luis Diaz, poi però immediatamente liberata.
L’attaccante, dopo il gol contro il Luton in Premier League, ha mostrato una maglietta davanti alle telecamere (“Libertad para papa“) chiedendo appunto la liberazione del genitore. Cosa che, grazie a un notevole e capillare lavoro fra le autorità locali, è avvenuta. Ora la Colombia può tirare un sospiro di sollievo.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Sassuolo - Empoli
Salernitana - Monza
Genoa - Udinese
SERIE B:
Cremonese - Palermo
Brescia - Reggiana
Sudtirol - Bari
Cittadella - Catanzaro
Ternana - Lecco
Pisa - Venezia
Como - Parma

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...