,,

Virgilio Sport SPORT

Pellegatti: “Milan, non commettere l’errore di cedere questi due”

Su Youtube il giornalista critica la strategia del club sul mercato

Champions League o no, il Milan sarà costretto a rinnovarsi ancora nel prossimo mercato, tagliando il monte ingaggi e reclutando forze fresche, giovani motivati, nella prossima campagna acquisti. Carlo Pellegatti, giornalista e tifoso rossonero, ammonisce però il club circa la possibile cessione di due senatori che, a suo parere, potrebbero tornare ancora molto utili al Milan del futuro. “Ci sono due giocatori molto importanti a cui il Milan non vuole rinnovare il contratto: Ignazio Abate e Chistian Zapata”, dice il giornalista in un video pubblicato sul suo canale YouTube. 

TAGLI NECESSARI. La scelta del Milan è essenzialmente economica, Abate guadagna 2 milioni di euro, Zapata 1,7 e ha rifiutato la proposta di rinnovo annuale a una cifra più bassa, chiedendo un biennale allo stesso stipendio attuale. “Il Milan deve fare i suoi conti, ma magari poteva proporre un ingaggio ridotto a questi giocatori che hanno un valore che va oltre il piano tecnico – spiega Pellegatti – Privarsene sarebbe una brutta perdita sul piano del dna”. 

TRASMISSIONE DEI VALORI. Per Pellegatti, Abate e Zapata, entrambi classe ’86, potrebbero aiutare i giovani talenti rossoneri ad ambientarsi e a comprendere quella che è la vera mentalità del Milan. “Abate e Zapata sono i discendenti degli antenati del grande Milan, dei vari Baresi, Maldini, Kakà e poi Ibrahimovic, Thiago Silva, Nesta: Abate ha giocato con questi giocatori e ha dentro il dna del Milan, e sarebbe importante avere ancora un giocatore che ha ereditato quel dna per trasmetterlo ai giovani. Loro possono trasmettere stile, classe, conoscenze ai giovani che non conoscono la storia del Milan, che arrivano a Milanello e guardano le foto dei grandi campioni: ma le foto non parlano”.  Senza Abate e Zapata, per Pellegatti il Milan rischierebbe di restare senza memoria nello spogliatoio. “Chi dovrebbe trasmettere quei valori? Bakayoko? Kessie? O Donnarumma, che è troppo giovane. Suso e Calhanoglu? Sono rimasti solo Abate e Zapata, non li cederei ancora per uno o due anni – conclude Pellegatti – Il dna rossonero è un valore che non ha prezzo”. 

SPORTEVAI | 15-05-2019 15:26

Pellegatti: “Milan, non commettere l’errore di cedere questi due”

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...