Virgilio Sport

Scommesse, domani il D-day per Tonali: ecco chi trema per omessa denuncia

I legali dell'ex Milan saranno ascoltati a Roma, la procura intanto analizza le prove dei telefonini per scoprire se c'era chi sapeva e ha taciuto

22-10-2023 13:30

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

La ripresa del campionato dopo la sosta e il silenzio che in questi giorni si è auto-imposto Fabrizio Corona hanno messo il silenziatore alla bufera scommesse per qualche giorno ma è solo un’impressione. Cova ancora il fuoco sotto la cenere e sono attesi nuovi sviluppi su tutti i fronti nelle prossime giornate.

Domani i legali di Tonali discuteranno del patteggiamento

Dopo l’emozionante pomeriggio di ieri, con la solidarietà piena che gli hanno dimostrato tifosi, tecnico e compagni del Newcastle, domani sarà un giorno importante per Tonali. Gli avvocati dell’ex centrocampista del Milan sono attesi a Roma per discutere di modalità e contenuti del patteggiamento pre-deferimento, quello che automaticamente porta alla riduzione fino alla metà della squalifica.

Per la fumata bianca, oltre all’accordo fra le parti, servirà il semaforo verde del procuratore generale dello Sport presso il Coni e del presidente federale. C’è però fretta perché si vuole evitare un allungamento di tempi che potrebbe produrre imbarazzi, visto che mercoledì c’è la sfida Champions tra Newcastle e Borussia Dortmund.

La Procura sospetta che ci sia chi non ha denunciato le scommesse dei rei confessi

Le indagini comunque continuano anche su altri versanti e l’impressione è anzi che l’inchiesta possa allargarsi non solo a nuovi e insospettabili scommettitori, ma pure nei riguardi di chi ha omesso di denunciarli: un reato stando al comma 5 dell’articolo 24 del codice. Alla luce delle dichiarazioni di Fagioli e di Tonali il procuratore Chiné si chiede chi fosse a conoscenza della cosa. Si stanno analizzando le prove emerse dai telefonini e dai tablet degli indagati. Del resto, le parole di Fagioli hanno fatto scalpore: «Dragusin e Gatti mi hanno prestato i soldi».

Sul Corriere dello sport si legge che i due giocatori della Juventus non avrebbero mai sospettato la destinazione di quei 40 mila euro (a testa) elargiti al compagno, eppure la frase «gli ho detto che mi servivano per comprare un orologio e che avevo i conti bloccati da mia madre» non convince del tutto gli inquirenti.

Gatti e Dragusin si dicono tranquilli

«Non c’è niente, Federico è tranquillo» continuano a ripetere le persone vicine a Gatti. «Radu non sapeva a cosa servisse realmente l’orologio ed è successo solo una volta» ha fatto invece sapere l’agente di Dragusin, Manea. Sapendo che Fagioli aveva un problema con il conto in banca, ai colleghi non è venuto il sospetto che quel denaro fosse utilizzato per qualcosa di meno lecito di un rolex?

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Salernitana - Monza
Genoa - Udinese
SERIE B:
Como - Parma
Pisa - Venezia
Ternana - Lecco

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...