Virgilio Sport

Tensioni e polemiche, la panchina di una big è già a rischio

Caos in casa Lazio: secondo 'Il Messaggero' duro confronto tra il presidente Lotito e Simone Inzaghi: decisive le partite contro Napoli e Milan.

17-12-2020 10:34

Nono posto a dieci punti dal primo e a cinque dal quarto che varrebbe un’altra qualificazione alla fase a gironi di Champions League. Questo il punto in casa Lazio dopo quasi un terzo di cammino in campionato, cammino che non soddisfa il presidente Claudio Lotito, al quale non sembra bastare la qualificazione agli ottavi di Champions.

Così dopo il pareggio di Benevento nel derby dei fratelli Inzaghi il presidente biancoceleste, come riporta ‘Il Messaggero’, sarebbe sbottato nei confronti della squadra e soprattutto del tecnico Simone Inzaghi.

Per il momento il rischio di un esonero che sarebbe clamoroso non sembra esistere, ma le ultime partite di un calendario di fine 2020 di certo non clemente, che opporrà la Lazio a Napoli e Milan, potrebbero anche portare a una svolta inattesa sulla panchina biancoceleste per l’inizio del 2021.

Il quotidiano romano riporta anche la delusione di Inzaghi, accusato da Lotito, oltre che per il rendimento deludente della squadra, anche per la gestione del gruppo, secondo il presidente alla base anche del vistoso calo di rendimento emerso nel post lockdown: se infatti la Lazio era in piena corsa per lo scudetto prima dell’interruzione del campionato 2019-2020 lo scorso febbraio, in estate i biancocelesti hanno vissuto un crollo che ha addirittura messo a rischio la qualificazione alla Champions League.

L’allenatore dal canto proprio, avvicinato a più riprese alla panchina della Juventus prima della gestione Sarri e di quella di Pirlo, si è difeso appellandosi ai tanti infortuni che hanno falcidiato la rosa e a un calendario troppo fitto che avrebbe evidenziato i limiti numerici dell’organico della Lazio. Il tutto arriva dopo una sessione di mercato turbolenta, che ha portato a diversi colpi mancati, su tutti quello di David Silva, ma anche del difensore Marash Kumbulla, soffiato in extremis dalla Roma nella trattativa con il Verona.

I numeri inchiodano i biancocelesti alla peggior partenza in Serie A nell’era Simone Inzaghi e a cifre impietose sul fronte gol incassati. Con 20 reti subite in dodici giornate i biancocelesti hanno la dodicesima difesa del campionato. Per trovare numeri più negativi in chiave difensiva bisogna risalire addirittura al 1992. Le ultime due partite del 2020 saranno bollenti per la Lazio.
 

Tensioni e polemiche, la panchina di una big è già a rischio Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...