,,
Virgilio Sport SPORT

Ungheria, razzismo e omofobia: porte chiuse per tre gare

La UEFA al termine delle indagini condotte negli scorsi giorni ha sanzionato l'Ungheria per episodi di discriminazione.

La UEFA ha deciso: al termine delle indagini condotte dopo diverse segnalazioni avvenute in occasione delle gare del gruppo F di Euro 2020, l’organo governativo calcistico europeo ha sanzionato l’Ungheria per episodi di discriminazione.

Si tratta di fatti accaduti durante tutte le gare della nazionale di Rossi agli europei ancora in corso, quindi quelle contro Portogallo, Francia e Germania.

“L’Organo disciplinare e etico della UEFA (CEDB) ha annunciato la seguente decisione: per le partite della fase a gironi di UEFA EURO 2020 Ungheria-Portogallo (0:3), Ungheria-Francia (1:1) e Germania-Ungheria (2:2), giocate rispettivamente il 15, 19 e 23 giugno. […] Comportamento discriminatorio dei sostenitori – art. 14(2) del Regolamento Disciplinare UEFA. La CEDB ordina alla Federcalcio ungherese di giocare a porte chiuse le sue prossime tre (3) partite in competizioni UEFA come federazione ospitante, la terza delle quali sospesa per un periodo di prova di due (2) anni dalla data della decisione, per discriminazione e per il comportamento dei suoi sostenitori”.

Ma non solo: oltre alle tre gare a porte chiuse, la UEFA ha anche sanzionato economicamente la Federcalcio ungherese con una multa di 100.000 euro. E non è finita qui: oltre agli atti discriminatori, l’Organo disciplinare e etico della UEFA ha comunicato un’ulteriore direttiva da seguire per l’Ungheria:

“La CEDB ordina alla Federcalcio ungherese di attuare la seguente direttiva nelle suddette partite in cui giocherà come federazione ospitante: esporre uno striscione con la dicitura “#EqualGame”, con sopra il logo UEFA”.
 

OMNISPORT | 09-07-2021 21:17

Ungheria, razzismo e omofobia: porte chiuse per tre gare Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...