Virgilio Sport

Addio a Sabine Schmitz, la regina del Nürburgring morta a 51 anni

La pilota e commentatrice televisiva, Sabine Schmitz, è stata vinta da una rara forma di tumore contro cui si è battuta con coraggio fino all'ultimo

Pubblicato:

Sabine Schmitz non c’è più. La regina del Nürburgring che aveva rotto gli schemi, contrastato pregiudizi e opinioni sessiste con la propria determinazione oltre al talento si è dovuta arrendere a un cancro che l’ha piegata a soli 51 anni.

I primi successi di Sabine Schmitz

Sabine era una pilota entusiasta e ricca di progetti, intraprendente. Nel 1996, insieme a Johannes Scheid ed Hans Widmann, al volante della leggendaria BMW M3 “Eifelblitz”, è diventata la prima donna a vincere la classifica assoluta alla 24 Ore del Nurburgring. Un’impresa che si replicò l’anno successivo insieme a Scheid, Peter Zakowski e Hans-Jurgen Tiemann. Nel 1998, sempre insieme a Scheid, fu anche la prima donna a conquistare il titolo del VLN.

La svolta nella sua carriera di pilota

Da grande appassionata di motori e con una certa disinvoltura, dopo la metà degli anni 2000, la Schmitz ha corso su vetture della Porsche insieme al futuro marito, Klaus Abbelen. Con il consorte, Sabine ha dato corpo e sostanza a uno dei suoi progetti: la Frikadelli Racing. Nel 2015 e nel 2016 ha inoltre corso come wild card nel WTCC proprio sul tracciato tedesco.

La sua partecipazione a Top Gear: Sabine Schmitz nel cuore del pubblico

Tra le sue molteplicità attività, vanno sicuramente ricordate il ruolo da autista per il Ring Taxi per molti anni. Secondo le sue stesse stime, ha percorso più di 30.000 giri sul Nordschleife. La notorietà a livello internazionale è poi aumentata, grazie al suo sorriso e alla comunicativa che aveva messo nel mitico format televisivo Top Gear, show di culto della televisione britannica. Inoltre, per D Max aveva svolto egregiamente e divertendosi il ruolo di commentatrice.

La lotta contro il cancro

Tutto è rallentato, senza però mai fermarsi quando Sabine ha scoperto di essere affetta da un raro tumore.

“Mi perseguita, non appena è andato via, è tornato. Ora sto cercando di trovare una soluzione. Ma è difficile”, aveva detto in un’intervista rilasciata a Motorsport-Total.com.

Nonostante le operazioni, la chemio e il suo coraggio l’ultimo anno, segnato dalla pandemia, ha avuto una seria ricaduta che ha stroncato ogni sua iniziativa. Ogni progetto, nell’automobilismo e nella vita è stato rimandato. Ed è rimasto in eredità a quanti l’hanno amata e sostenuta, in questi ultimi passi.

VIRGILIO SPORT

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...