Virgilio Sport

Addio Mancini, il retroscena sull’sms della moglie, ora anche la Figc chiede penale

Regna il caos intorno alla Nazionale: 4 giorni prima delle dimissioni del Mancio, la moglie-avvocato ha inviato un sms a Gravina: ecco cosa diceva

17-08-2023 09:41

Domenico Esposito

Domenico Esposito

Giornalista

Da vent’anni in campo e sul campo per vivere ogni evento in tutte le sue sfaccettature. Passione smisurata per il calcio e per la sfera di cuoio. Il pallone è una cosa serissima, guai a dirgli di no

Emergono nuovi retroscena sull’improvviso addio di Roberto Mancini alla Nazionale italiana. Retroscena che non aiutano a far chiarezza su quanto realmente accaduto e che gettano nuove ombre sul futuro degli Azzurri, a meno di un mese dal doppio impegno che può essere decisivo per la qualificazione agli Europei. Intanto la Figc continua la sua battaglia col Napoli per Spalletti, per il cui ingaggio non intende pagare i circa 3 milioni della clausola imposta da De Laurentiis. Al contrario, però, potrebbe rivalersi sul Mancio.

L’addio di Mancini alla Nazionale e l’sms della moglie-avvocato

Nella sua versione dei fatti l’ormai ex ct della Nazionale ha spiegato che sulla sua decisione di abbandonare la panchina dell’Italia hanno pesato la mancanza di fiducia della Federcalcio, che proprio pochi giorni prima gli aveva affidato maggiori poteri nominandolo responsabile di Under 21 e Under 20, e il cambiamento del suo staff. Ma la Gazzetta dello Sport rivela l’esistenza di un sms inviato l’8 agosto, quindi quattro giorni prima delle dimissioni, da Silvia Fortini, moglie e avvocato del tecnico di Jesi, al presidente Gabriele Gravina.

Addio Mancini, il contenuto del messaggio inviato a Gravina

Nell’sms la moglie del Mancio chiede a Gravina di eliminare la clausola risolutiva in caso di mancata qualificazione all’Europeo, senza far riferimento alla questione staff che tanto avrebbe scosso l’ex ct. Da quanto si apprende, Mancini avrebbe voluto cancellarla per poter svolgere il suo lavoro con serenità. Dopo l’Europeo vinto e la mancata qualificazione al Mondiale in Qatar con tanto di fiducia rinnovata da parte della Figc (ricordate, invece, cosa successe con Ventura?), perché l’ex allenatore di Inter e Manchester City si è esposto così tanto per l’eliminazione di questa clausola?

Mancini e il suo possibile timore di restare a mani vuote

Sullo sfondo ci sono le sirene arabe: sarebbero infatti pronti ad affidargli la nazionale con un triennale da 25 milioni l’anno. L’Italia gliene garantiva 3 fino al 2026; occhio, però: perché il destino degli Azzurri all’Europeo del 2024 potrebbe prendere una piega ben precisa già dopo gli impegni di inizio settembre a Skopje con la Macedonia del Nord e a San Siro con l’Ucraina. Mancini, dunque, avrebbe corso il serio rischio di ritrovarsi con un pugno di mosche in mano.

Anche nel contratto di Mancini esiste a una penale

La Gazzetta dello Sport fa sapere, che, a differenza di quanto riportato da De Laurentiis nel suo durissimo comunicato contro la Figc e Gravina, nel contratto tra Mancini e la Federazione non figura una clausola che consente al ct di liberarsi a zero. Se in un primo momento la Figc sembrava disposta a lasciar correre, ora la situazione sembra essersi ribaltata. Già, Gravina sarebbe pronto a procedere alle via legali. Soprattutto per fare chiarezza. Del resto, si tratta pur sempre della Nazionale.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...