Virgilio Sport

Aguero rassicura tutti ma la diagnosi inguaia il Barcellona

L’attaccante argentino ha voluto tranquillizzare tutti sulle sue condizioni dopo il problema al torace patito durante l’ultima gara di Liga che l’ha costretto al ricovero in ospedale.

Pubblicato:

Sono notizie parzialmente confortanti quelle che arrivano da Barcellona riguardo alle condizioni del “Kun” Aguero, nelle ultime 48 ore rimasto ricoverato dopo il malore che l’ha costretto a lasciare il campo il weekend scorso durante il match di Liga contro l’Alaves.

Uscito dal terreno di gioco con dolori al torace al collo, quella sera l’argentino è stato immediatamente portato in ospedale dove, in seguito agli accertamenti del caso, gli è stata riscontrata un’aritmia cardiaca.

La serenità dopo la paura

La diagnosi non ha sorpreso del tutto l’ex punta del Manchester City visto che già all’età di 12 anni i medici gli avevano riscontrato un problema simile.

Aguero comunque, una volta capito cosa lo avesse bloccato sabato, si è tranquillizzato e tramite i propri canali social ha provveduto ad aggiornare e rassicurare i tanti che nei giorni scorsi si sono preoccupati per le sue condizioni.

“Voglio mandare un abbraccio a tutti, vi ringrazio per i messaggi di supporto. Adesso è tempo di riprendersi e aspettare altre notizie” ha affermato il “Kun”, giocatore di esperienza e prolificità uniche che il Barcellona farà davvero fatica a rimpiazzare.

Piove sul bagnato per i blaugrana

Lo staff tecnico catalano infatti, una volta rasserenatisi gli animi, ha subito constatato che l’assenza di Aguero complicherà non poco i già non semplici piani di riscatto di Piquet e compagni.

Il “Kun”, come comunicato oggi, sarà sicuramente ai box per i prossimi tre mesi, periodo dopo il quale le sue condizioni saranno rivalutate nuovamenet e verranno definite con più precisione le tempistiche del suo rientro.

Nel frattempo, il Barcellona dovrà fare a meno di un uomo fondamentale in attacco. La sua assenza si aggiunge a quella di Ousmane Dembelé, fermatosi nuovamente per “un’elongazione al muscolo semimembranoso della coscia sinistra”, e va a ridurre un reparto già assottigliatosi pesantemente con le partenze in estate di Messi e Griezmann.

Verosimile, dunque, che a salire in cattedra siano i tanti giovani presenti nella rosa catalana, su tutti quell’Ansu Fati a cui, a soli 19 anni, ora viene chiesto di trascinare l’attacco blaugrana proprio come già accaduto mercoledì in Champions League contro la Dinamo Kiev. Tutto questo in attesa del ritorno (si spera presto) del “Kun”.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...