,,
Virgilio Sport SPORT

Allegri presenta Spezia-Juventus: "Non sono arrugginito"

Juventus ancora a caccia della prima vittoria in campionato, Allegri ha parlato in conferenza: "Esigo che chi entra dia una mano ai compagni".

21-09-2021 14:58

Mai come stavolta vincere sarà l’unica cosa che conta per la Juventus, ancora a caccia del primo successo in campionato e con soli due punti in classifica dopo le prime quattro giornate. L’avversario è lo Spezia di Thiago Motta, avanti in classifica rispetto a Madama.

Partenza shock per la Juventus, con gli stessi punti del Cagliari in classifica, al penultimo posto davanti alla sola Salernitana. In terra ligure la squadra di Allegri va a caccia del primo successo in Serie A, per dare continuità ai alla vittoria di Champions contro il Malmo e al pareggio contro il Milan in campionato.

Allegri, in conferenza stampa, ha parlato così della situazione bianconera:

“Bisogna più che rialzarci fare una vittoria, poi magari le cose le vedremo in maniera diversa. Nel secondo tempo contro il Milan è successo qualcosa che si sta ripetendo troppo, sbagliamo quando c’è poca pressione. Parlare del passato non ha più senso, questa Juventus è diversa. Nel post partita è normale il mio sfogo, non sono di ferro, anche se sono lucido e distaccato”.

Non ci sarà Chiellini causa febbre, dentro De Ligt e Chiesa:

“Domani ci saranno dei cambi, alcuni giocano da sei-sette gare tra club e Nazionale. Lo Spezia è una squadra sbarazzina che gioca senza tante preoccupazioni, bisognerà fare una partita mentale e tecnica importante. Poi nel loro stadio non è mai facile. Morata ha recuperato, Chiellini è febbricitante e rimane a casa per sicurezza”.

“Chi entra, chiunque, esigo che diano una mana i compagni, è senso di responsabilità. Ero piccino, mi dicevano che contava solo il campo, dove bisogna dimostrare. E’ più facile di quello che si pensa. Chiesa e De Ligt titolari, vedremo gli altri. Per ora Spezia-Juventus guardando la classifica è uno scontro salvezza, poi si vedrà: bisogna essere realisti, non si può parlare di obiettivi ora”.

Allegri non vuole parlare di passato, ma ripensa all’ultima gara:

“Dal 45′ al 52′ contro il Milan abbiamo sbagliato 8 palle gratute, ho rivisto la partita. Bisogna avere una buona gestione della palla, passaserla in maniera giusta. Le potenziali occasioni le abbiamo avute noi. Non trovo in difficoltà nessuno in particolare. Bentancur ha fatto una bella partita, Rabiot ha fatto una una grandissima partita ma deve arrivare più lucido in zona goal. Non può non farli”.

Anche qualche sorriso per Allegri, a proposito dell’eventuale difesa a tre:

“La mia Juventus ha sempre difeso a quattro. Le difese a tre non esistono, o si difende a quattro a cinque. Perchè tanto se i difensori sono tre, in 60 metri anche in mano a Cristo…”.

Serietà e tensione smorzata, prima della decisiva gara contro lo Spezia.

 

 

OMNISPORT

Allegri presenta Spezia-Juventus: "Non sono arrugginito" Fonte: Getty

Tags:

Leggi anche:

SPORT TREND

,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...