Virgilio Sport

Arabia Saudita, il Barcellona avvisa i tifosi per la Supercoppa: "No sostegno al gruppo Lgbtqia+". È polemica

In Arabia Saudita non sono tollerati comportamenti normali in Europa e in altre parti del mondo: le "raccomandazioni" del Barcellona ai propri tifosi fanno scoppiare il caso.

Pubblicato:

Rino Dazzo

Rino Dazzo

Giornalista

Se mai ci fosse modo di traslare il glossario del calcio in una nicchia di esperti, lui ne farebbe parte. Non si perde una svista arbitrale né gli umori social del mondo delle curve

Un avviso del Barcellona ai tifosi sul sito ufficiale sta facendo discutere e provocando vivaci discussioni in Spagna. Contiene “consigli” e “raccomandazioni” per la trasferta in Arabia Saudita, dove non sono ammessi o tollerati diversi comportamenti che nella metropoli catalana, e in quasi tutto il mondo occidentale, fortunatamente sono considerati normali e liberamente tollerati. Nella nuova Mecca del calcio, ricca di soldi e affamata di eventi internazionali, invece no.

L’avviso del Barcellona ai tifosi: “Non fatelo in Arabia Saudita”

Questo il messaggio comparso sul sito della società blaugrana: “Si raccomanda rispetto e cautela nei comportamenti pubblici e nelle manifestazioni di affetto. Un comportamento indecente, compreso qualsiasi atto di natura sessuale, potrebbe avere conseguenze legali per gli stranieri. Anche le relazioni tra persone dello stesso sesso e le manifestazioni di sostegno al gruppo Lgbtqia+, anche sui social media, possono essere motivo di sanzione”. E dire che un anno e mezzo fa, il 28 giugno 2022, il Barcellona tinteggiò di arcobaleno il Camp Nou a sostegno del movimento Lgbt.

Supercoppa spagnola: in campo Barcellona, Real, Atletico e Osasuna

Giovedì il Barcellona affronterà l’Osasuna nella Supercoppa in terra saudita. Il giorno prima sarà la volta del derby madrileno tra Real e Atletico. Oltre ai comportamenti in materia sessuale, il monito del club catalano riguarda anche il consumo di alcol o droghe: “Inoltre bisognerà evitare il consumo, la vendita o l’acquisto di sostanze stupefacenti e di alcol perché severamente punibili. Al di là degli stand riservati bisognerà inoltre rispettare le consuetudini ed evitare grandi assembramenti, soprattutto in luoghi pubblici o religiosi, perché sono vietate le attività che il governo considera contrarie alla quiete pubblica“.

A fine gennaio tocca alle italiane: Napoli, Inter, Lazio e Fiorentina

Inutile ribadire come in Spagna, uno dei paesi più avanzati in Europa in materia di libertà sessuale e di tolleranza, le “raccomandazioni” del Barcellona abbiano scatenato feroci discussioni sull’opportunità di andare a giocare in paesi dalla mentalità così differente. E chissà che lo stesso dilemma non possa ripetersi anche in occasione della Supercoppa italiana. Tra il 21 e il 25 gennaio tocca a quattro formazioni della Serie A andare in Arabia: Napoli, Inter, Lazio e Fiorentina. Certo, anche in quel caso bisognerà adeguarsi alle tradizioni locali: ma i presidenti hanno bisogno di soldi e allora tutti continueranno a girarsi dall’altra parte e a far finta di niente. O magari, a pubblicare un avviso sul sito ufficiale.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...