Virgilio Sport

Atletica, la mental coach di Jacobs: "Non voleva correre la finale di Tokyo"

Nicoletta Romanazzi ha raccontato il retroscena prima dei 100 metri che hanno consegnato l'azzurro alla storia.

Pubblicato:

Atletica, la mental coach di Jacobs: "Non voleva correre la finale di Tokyo" Fonte: Getty Images

Ospite a Radio Deejay, la mental coach di Marcell Jacobs ha rivelato i segreti del suo lavoro: “La prima cosa che insegno a chi viene da me è: noi possiamo scegliere se cedere il nostro potere personale all’esterno oppure tenerlo per noi – spiega Nicoletta Romanazzi -. Tutte le volte che il nostro stato d’animo cambia perché quella persona ha detto qualcosa, siamo sotto scacco, perché il nostro benessere non dipende più da noi”.

La mental coach ha capito all’istante che Jacobs era speciale: “Quando l’ho conosciuto ho visto subito il suo grande potenziale, ma ho anche visto quanto fosse bloccato: in allenamento riusciva a fare dei tempi che non riusciva a fare in gara”.

Infine, La Romanazzi ha svelato un retroscena incredibile su Tokyo 2020: “Prima della finale dei 100 metri Marcell mi ha chiamato dicendomi ‘Io non corro, ho dato tutto, non ho più niente da dare’. Era peraltro in preda ai crampi. A quel punto l’ho sdraiato e l’ho fatto respirare”. Fortunatamente, Jacobs ha corso quella finale. Il resto è storia.

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...