Virgilio Sport

Bonucci sul mercato, anche se con la Juve non è davvero finita. A decidere sarà Allegri

Leonardo Bonucci al centro di indiscrezioni, tra dissapori presunti con Allegri e cessione a gennaio. Ma ecco come stanno le cose, con gli ultimi risvolti

Pubblicato:

Luca Santoro

Luca Santoro

Giornalista

Esperto di Motorsport ma, più in generale, appassionato di tutto ciò che sia Sport, anche senza il Motor. Dà il meglio di sé quando la strada fa largo alle due o alle quattro ruote

Si vocifera di un’aria abbastanza tesa in quel dello spogliatoio della Juventus, con uno dei senatori della squadra al centro delle recenti indiscrezioni. Parliamo di Leonardo Bonucci, che alcuni retroscena vorrebbero ai ferri corti con Massimiliano Allegri, tanto da aver chiesto la cessione a gennaio.

“Bonucci via a gennaio”: il tweet che fece discutere

In realtà le notizie che stanno giungendo sono abbastanza variegate, per non dire in contraddizione tra di esse di ora in ora. Proviamo a fare ordine: qualche giorno fa Giulio Mola, giornalista del quotidiano Il Giorno, ha twittato la rivelazione bomba di una rottura tra il difensore ed il tecnico, con il primo che “ha chiesto la cessione, a gennaio può finire al Tottenham“, ritrovando come allenatore Antonio Conte.

Non sarebbe un addio come un altro, visto che parliamo di una colonna juventina nonostante la fugace ed infruttuosa sbandata per il Milan, durata una sola stagione. Ma passano le ore e la previsione di Mola viene confutata da CalcioMercato.com, per il quale Bonucci difficilmente potrebbe separarsi dai bianconeri a gennaio, quanto invece potrebbe diventare reale questa eventualità a giugno (ricordiamo che il contratto del difensore classe 1987 scade nel 2024). Tuttavia, la posizione del difensore sarebbe, ironia della sorte, simile a quella di Allegri, ovvero in bilico tra la permanenza nel club nonostante tutto e l’arrivederci e grazie. Tra l’altro, anche il tecnico è in scadenza nel 2024.

Il caso della panchina nel derby e i precedenti screzi con Allegri

A fomentare in questi giorni le voci su un’addio di Bonucci anche la panchina “subita” nel vittorioso derby della Mole contro il Torino (entrando poi al 51′ per l’infortunio di Gleison Bremer), e dei precedenti non proprio idilliaci con l’allenatore livornese: fece scalpore ai tempi il famigerato sgabello di Porto del 2017, con il giocatore finito quasi in punizione in tribuna (in occasione del match dell’ottavo di andata di Champions League contro la squadra lusitana) dopo uno scontro con Allegri. Nella stagione immediatamente successiva Bonucci andò al Milan, per la cronaca.

La Juve tentata dal lasciar andare via Bonucci? Le ipotetiche destinazioni

In questa stagione – e concentrandoci solo sul campionato – il centrale difensivo ha giocato per tutti i novanta minuti quattro partite su dieci ad oggi disputate, al netto di due saltate per un problema muscolare. Un gol realizzato alla Salernitana, due volte in panchina, ed ingaggio di 6,5 milioni a stagione (più alto di quello di Federico Chiesa, a quota 5): questi i numeri attuali di Bonucci, con l’ultimo dato che potrebbe far propendere la Juventus a lasciar andare il suo (ex?) leader ed abbassare così il monte ingaggi.

Ammettiamo quindi che a gennaio o al più tardi giugno, salvo colpi di scena e contratto che invece fila dritto sino alla sua naturale scadenza, Bonucci si liberi della maglia bianconera: le destinazioni di cui si vocifera sono tra le più disparate. Oltre al Tottenham citato da Mola, si parla anche di una pista americana, quindi nella MLS dove già milita l’ex compagno di squadra e di nazionale Giorgio Chiellini, ma sulla sponda di Toronto, dove ritroverebbe un altro già juventino come Federico Bernardeschi (più Criscito ed Insigne). Suona invece come una boutade la suggestione Inter, dove il difensore ha già militato ai tempi delle giovanili ed anche in prima squadra dal 2005 al 2007.

La svolta: Bonucci resta? Le opzioni di Allegri dopo l’infortunio di Bremer

Ma secondo La Stampa è stato trovato un accordo, che suonerebbe più come un armistizio, tra Bonucci ed Allegri, con il giocatore che ha preso la decisione di rimanere a Torino forte del fatto che il suo nome è tornato in pole nei piani tattici dell’allenatore, in virtù dell’infortunio di Bremer che apre così al difensore italiano la titolarità del ruolo centrale davanti alla porta (almeno sinché il brasiliano non tornerà operativo, non prima di una ventina di giorni secondo le previsioni). Il giocatore originario di Viterbo troverebbe così posto nella difesa a tre, con accanto Alex Sandro sulla sinistra e Danilo sulla destra, oppure in quella a quattro, con Cuadrado ed Alex Sandro sulle fasce e la coppia Bonucci-Danilo al centro (considerando anche le opzioni alternative a disposizione di Allegri, ovvero Rugani e Gatti). Ma intanto Bonucci avrà in poco più di due settimane la possibilità di far sentire nuovamente la propria leadership nella Juve.

Tags:

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...