Virgilio Sport

Giro: Monte Lussari tinge di rosa Roglic

Uno straordinario Roglic conquista la crono e nonostante un problema tecnico riesce a mettere alle sue spalle Thomas di 14" in classifica generale

Ultimo aggiornamento 28-05-2023 06:01


Riassunto dell'evento

Ordine d’arrivo della 20a tappa Tarvisio-Monte Lussari

  1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) 44:23
  2. Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) 0:40
  3. Joao Almeida (UAE Team Emirates) 0:42
  4. Damiano Caruso (Bahrain Victorious) 0:55
  5. Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) 0:59
  6. Sepp Kuss (Jumbo-Visma) 1:05
  7. Brandon McNulty (UAE Team Emirates) 1:07
  8. Thymen Arensman (Ineos Grenadiers) 1:18
  9. Andreas Leknessund (Team DSM) 1:49
  10. Jay Vine (UAE Team Emirates) 1:53

Sintesi della tappa

Primoz Roglic è la maglia rosa del Giro d’Italia 2023. È andato a tutta per tutta la crono. Sempre in vantaggio su Geraint Thomas, ma durante la salita (tra il 2° e il 3° intertempo) ha un problema meccanico. Ci mette tanto a ripartire, anche a causa dell’estrema pendenza. Il sogno rosa sembra svanito. La maglia rosa sembra dover restare sulle spalle dell’uomo Ineos. Per tutti, tranne che per lui. “Non ho pensato che fosse tutto perduto neanche dopo l’incidente meccanico. È una lotta, c’è sempre una speranza alla fine. Ogni istante di oggi me lo sono goduto” dichiarerà subito dopo l’arrivo. A festeggiarlo i compagni di squadra della Jumbo-Visma e i tantissimi tifosi arrivati dalla vicina Slovenia. A congratularsi con lui anche l’ex maglia rosa Geraint Thomas. Il corridore della Ineos Grenadiers, forse, ha avuto proprio oggi la sua giornata di crisi. Sin dal primo intermedio era chiaro che la lotta per il successo finale fosse tra loro due. Joao Almeida in 10,5 km perdeva già 4”.

Una lotta per la maglia rosa nel corso della crono, ma non solo. Anche gli altri uomini della top10 si sono confrontati per confermare o migliorare la propria posizione in classifica. Conferma la quarta posizione Damiano Caruso (Bahrain Victorious). Edwar Dunbar (Team Jayco AlUla) perde due posizioni, scendendo in settima. Davanti a lui Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) in quinta e Thymen Arensman (Ineos Grenadiers) in sesta. Andreas Leknessund (Team DSM) guadagna una posizione e si porta all’ottava, mentre Lennard Kamna (Bora-Hansgrohe) scende in nona. Laurens De Plus (Ineos Grenadiers) resta in decima posizione.

Maglia Rosa – Classifica generale: Primoz Roglic (Jumbo-Visma)
Maglia Ciclamino – Classifica a punti: Jonathan Milan (Bahrain Victorious)
Maglia Azzurra – Gran Premio della Montagna: Thibaut Pinot (Groupama-FDJ)
Maglia Bianca – miglior giovane: Joao Almeida (UAE Team Emirates)

Classifica generale dopo la 20a tappa

  1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) 82:40:36
  2. Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) 0:14
  3. Joao Almeida (UAE Team Emirates) 1:15
  4. Damiano Caruso (Bahrain Victorious) 4:40
  5. Thibaut Pinot (Groupama-FDJ) 5:43
  6. Thymen Arensman (Ineos Grenadiers) 6:05
  7. Edward Dunbar (Team Jayco AlUla) 7:30
  8. Andreas Leknessund (Team DSM) 7:31
  9. Lennard Kamna (Bora-Hansgrohe) 7:46
  10. Laurens De Plus (Ineos Grenadiers) 9:08

Giro d’Italia 2023
Percorso | Numeri di gara| Montepremi| Regolamento

La tappa di oggi

  1. Thomas al traguardo 14" di ritardo in classifica da Roglic
    18:00
  2. Roglic maglia rosa!
    17:59
  3. è una sfida sui secondi per la maglia rosa

    17:57
  4. Al terzo intermedio Thomas dietro di 29"
    17:57
  5. 17:56
  6. Roglic al traguardo: 44'23"

    Prima posizione per Primoz Roglic

    17:55
  7. Roglic a tutta!

    17:54
  8. Roglic al terzo intermedio: 42'20"
    17:54
  9. Almeida al traguardo: 45'05"
    17:53
  10. Terzo intermedio per Almeida: 43'00"
    17:52
  11. Damiano Caruso: 45'18"!

    Primo posto per Damiano Caruso al traguardo

    17:50
  12. Secondo intermedio per Thomas: 34'19"

    All’intermedio perde 16″ da Roglic

    17:49
  13. Problemi per Roglic!

    Problema meccanico per Roglic, che ha impiegato non poco per ripartire

    17:48
  14. 34'03" per Roglic al secondo intermedio

    migliora il tempo di Kuss di 32″

    17:46
  15. Thibaut Pinot: 45'22" al traguardo
    17:44
  16. Almeida al secondo intermedio: 34'35"

    Almeida al secondo intermedio ha lo stesso tempo di Kuss e Caruso

    17:44
  17. Thymen Arensman (Ineos Grenadiers) al traguardo: 45'43"

    Thymen Arensman (Ineos Grenadiers) chiude in terza posizione provvisoria alla spalle di Kuss e McNulty

    17:42
  18. Secondo intermedio per Caruso: 34'35"

    secondo tempo per Damiano Caruso al secondo intermedio con 34’35”

    17:40
  19. Andreas Leknessund (Team DSM) 46'12" al traguardo

    Terza posizione per Andreas Leknessund (Team DSM) al traguardo dove ha un tempo di 46’12”

    17:36
  20. Secondo intermedio, 34'52" per Pinot
    17:35
  21. Quinta posizione al traguardo per Laurens De Plus (Ineos Grenadiers)

    17:34
  22. 47’52” per Rubio al traguardo

    17:32
  23. Thymen Arensman secondo tempo al secondo intermedio: 34’53”

    17:31
  24. 2a posizione per Thomas al primo intermedio

    2″ di ritardo per Thomas al primo intermedio. Un risultato eccezionale considerando il tempo più lungo che ha impiegato per il cambio bici

    17:28
  25. Cambio bici e casco per Thomas

    14 ” per il cambio

    17:26
  26. Roglic al primo intermedio: 13'49"

    E’ Roglic al momento il più veloce al primo intertempo

    17:25
  27. Geraint Thomas cambierà anche il casco

    17:24
  28. Cambio bici per Roglic. Preferisce tenere lo stesso casco

    17:23
  29. Almeida al primo intermedio: 13'53". Primo

    Nuovo miglior tempo per Almeida al primo intermedio

    17:22
  30. Cambio bici per Almeida in 6″

    17:20
  31. Primo tempo per Caruso al primo intermedio

    Caruso al primo intermedio fa registrare il tempo di 13’56”

    17:20
  32. Cambio bici per Damiano Caruso

    17:18
  33. Primo tempo per Kuss

    Sepp Kuss conquista la prima posizione con il tempo di 45’28”. 2″ in meno di McNulty

    17:17
  34. Al traguardo Bruno Armirail. Per lui il quinto tempo

    17:16
  35. quarto tempo per Pinot al primo intermedio

    17:15
  36. Partita la maglia rosa Geraint Thomas

    Con la partenza della maglia rosa tutti i corridori sono in strada

    17:14
  37. Thomas si prepara alla partenza

    17:12
  38. Derek Gee, grande protagonista di questo Giro, chiude con il 12esimo tempo

    17:12
  39. Partito Roglic
    17:11
  40. Arriva in zona partenza anche la maglia rosa Geraint Thomas

    17:09
  41. Grande tifo per Roglic alla partenza. Sarà lui il prossimo a partire

    17:09
  42. E' la volta di Almeida
    17:08
  43. Secondo tempo per Kamna al primo intermedio

    17:07
  44. Partito Damiano Caruso (Bahrain Victorious)
    17:06
  45. Al secondo intertempo il miglior tempo è di Bruno Armirail (33’52”)

    17:04
  46. Con la partenza di Edward Dunbar si entra nella top5

    17:03
  47. Partito Thibaut Pinot

    17:03
  48. Brandon  McNulty 45:30. Il nuovo miglior tempo è il suo

    17:00
  49. De MArchi

    Arriva adesso Alessandro De Marchi che sventola i colori della sua terra

    16:59
  50. Primo tempo per Vine

    Primo posto per Jay Vine (UAE Team Emirates) all’arrivo per 3″. 46’16” il suo tempo

    16:56
  51. Cambio di bici in questo momento per Buitrago

    16:54
  52. Partito Lennard Kamna (Bora-Hansgrohe)

    16:53
  53. Partito anche Andreas Leknessund (Team DSM)

    16:50
  54. Primo posto momentaneo per Riccitello

    In questo momento in testa alla corsa c’è Matthew Riccitello (Israel-Premier Tech) con 46’19”

    16:50
  55. Al via Laurens De Plus (Ineos Grenadiers)

    Con De Plus iniziano le partenze degli uomini che sono nelle prime dieci posizioni della classifica generale

    16:47
  56. tappa20-dettaglio-salita-monti-lussari
    La salita finale

    La salita si snoda a tornanti nel bosco su una strada stretta con il fondo in cemento. La sua pendenza media è del 12,1%, ma i primi 5 chilometri sono al 15,3% con un tratto al 22%. Usciti dal bosco la strada sale leggermente per circa un chilometro (4%), prima di tornare a salire. Al traguardo mancano 1.500 metri. La pendenza torna a farsi dura. Si sale con una pendenza media dell’11,9%, ma subito dopo l’ultimo chilometro vi è una rampa al 20% con punte al 22%. Dopo lo scollinamento vi è una breve discesa (8%), per poi negli ultimi 150 metri salire al 16% fino al traguardo, che vale anche come GPM di 1a categoria.

    08:02
  57. tappa20-monti-lussari-altimetria
    Altimetria 20a tappa

    La tappa Tarvisio-Monte Lussari è una cronometro di 18,6 km nel corso della quale i ciclisti dovranno essere attenti a dosare bene le energie. I primi 11 chilometri sono pianeggianti, se si esclude uno strappo al 15% a un chilometro dal via per immettersi nella Ciclabile Alpe Adria, in cui resteranno per circa 6 chilometri. La seconda parte della tappa è costituita dalla salita che porterà al Santuario di Monte Lussari. L’inizio dell’ascesa è posto al km 10,8 e qui sarà preso anche il primo intermedio.

    06:29
  58. tappa19-longarone-lavaredo
    La tappa di oggi: 20a, Tarvisio-Monte Lussari (cronometro), 18,6 km

    Tarvisio-Monte Lussari. Appena 18,6 chilometri contro il tempo per stabilire il vincitore del Giro d’Italia numero 106. Si corre nell’estremità orientale del Friuli-Venezia Giulia, al confine con la Slovenia. Un elemento importante per Primoz Roglic, che oggi ancor più di ieri potrà avere il supporto di migliaia di tifosi.

    Nella prima parte pianeggiante i corridori pedaleranno circa 6 chilometri lungo la Ciclabile Alpe Adria, poi si svolta per prendere la salita che conduce al Santuario di Monte Lussari, il cui inizio sarà evidenziato dal ponte sul torrente Saisera.

    I tre intertempi sono posti all’inizio della salita (km 10,8), al km 14,3 e a Sella Prasnig (km 17,8). Al chilometro 9,4, inoltre, l’organizzazione ha previsto un punto per il cambio della bicicletta (facoltativo).

    08:01
  59. Oggi si corre la ventesima tappa del Giro d’Italia numero 106, con partenza da Tarvisio e arrivo a Monte Lussari, una prova a cronometro di 18,6 km.

    È qui che si decide il Giro d’Italia, prima della passerella di arrivo a Roma. Geraint Thomas (Ineos Grenadiers), Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Joao Almeida (UAE Team Emirates) dovranno dare tutto per mantenere o provare a conquistare la maglia rosa.

    Primoz Roglic, ottimo cronoman e grande scalatore, proverà a recuperare i 26” che lo dividono dal primato e conquistare così il suo quarto grande giro, dopo i tre successi alla Vuelta.

    Joao Almeida negli ultimi due giorni ha perso gran parte dei 59” che lo dividono da Geraint Thomas. Oggi proverà a dare il tutto per tutto. Il distacco è tanto, ma le doti da cronoman ci sono. Potrebbe comunque arrivare la vittoria di tappa.

    Geraint Thomas si è mostrato solido durante tutto il Giro d’Italia. Tra i tre favoriti è stato l’unico a non aver avuto giornate difficili. In questa tappa gli basterà gestire il suo distacco, avendo anche il vantaggio di essere l’ultimo a partire.

    E se loro combatteranno per la maglia rosa, Damiano Caruso (Bahrain Victorious), Edward Dunbar (Team Jayco AlUla), Thibaut Pinot (Groupama-FDJ), Thymen Arensman (Ineos Grenadiers), Lennard Kamna (Bora-Hansgrohe), Andreas Leknessund (Team DSM), Laurens De Plus (Ineos Grenadiers) lotteranno per mantenere o migliorare la loro posizione nella top 10. Particolarmente ristretti i margini tra Pinot e Arensman (appena 3”) e quelli tra Kamna e Leknessund (14”).

    Pinot, inoltre, dovrà anche difendere la maglia azzurra. In palio oggi ci sono 50 punti e soltanto 28 lo dividono fa Derek Gee (Israel-Premier Tech).

Giro: Monte Lussari tinge di rosa Roglic Fonte: Gettyimages
Caricamento contenuti...