,,
Virgilio Sport SPORT

F1: pesante accusa di Verstappen alla Ferrari. Furia a Maranello

Il pilota della Red Bull attacca la scuderia di Maranello.

Bufera nel circus per le parole di Max Verstappen, che nel dopo gara del Gran Premio degli Stati Uniti si è lasciato andare a questa dichiarazione: "La Ferrari ha deluso? Non mi stupisce, succede quando si smette di barare…". Il pilota olandese della Red Bull ha alimentato i dubbi sulla potenza della power unit del Cavallino Rampante, che dopo la pausa estiva ha sorpreso gli avversari, permettendo alla scuderia di Maranello di vincere tre gare e di ottenere altri importanti piazzamenti.

Nei giorni scorsi proprio la Red Bull aveva chiesto chiarimenti sulla legalità del motore Ferrari. La Federazione non ha però mai individuato nulla di irregolare nelle monoposto rosse, e l'attacco di Verstappen, riportato dalla Gazzetta dello Sport, è sembrato fuori posto.

Ad Austin effettivamente la Ferrari ha peggiorato le sue prestazioni: per la prima volta dopo sei Gran Premi non ha ottenuto la pole, e in gara Leclerc è arrivato quarto, con Vettel ritirato. Per i maligni, ciò è dovuto a un controllo maggiore della Fia.

"Adesso la situazione viene attentamente monitorata ma dobbiamo continuare a tenerla d’occhio. Non è stata strana questa loro prestazione. Perché? Beh, potete arrivarci da soli", ha continuato velenoso Verstappen.

Secca la replica del team principal della Ferrari Mattia Binotto: "Ho sentito di certe dichiarazioni, davvero deludenti. La realtà è che abbiamo mancato la pole di poco con Sebastian e Charles ha avuto un problema che ci ha costretto a montare un’unità vecchia, senza cui avrebbe potuto lottare per la pole. In gara il nostro problema non è stato la velocità di punta in rettilineo. Ho sentito parole totalmente sbagliate e non buone per lo sport e tutti ne dovrebbero essere consapevoli".

Anche la Mercedes ora chiede chiarimenti: "E’ importante che la Fia intervenga in modo netto per fare dei chiarimenti, è qualcosa di standard, fa parte delle sue funzioni", le parole di Toto Wolff.

SPORTAL.IT | 04-11-2019 09:58

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...