Virgilio Sport

Golf, il DP Tour risponde ai golfisti sulle sanzioni per l'ingresso nel LIV golf

Keith Pelley dice che i giocatori che si sono iscritti al LIV Golf Invitational Series sapevano che ci sarebbero state delle conseguenze.

Pubblicato:

Golf, il DP Tour risponde ai golfisti sulle sanzioni per l'ingresso nel LIV golf Fonte: Getty Images

L’amministratore delegato del DP World Tour Keith Pelley ha risposto ai ribelli del LIV Golf affermando che le sanzioni imposte ai giocatori sono state “proporzionate ed eque”.

Lee Westwood e Ian Poulter sono stati tra i 16 membri del DP World Tour che la scorsa settimana sono stati multati di 100.000 sterline e interdetti dalla partecipazione a tre eventi, il primo dei quali è lo Scottish Open della prossima settimana.

Sono stati sanzionati dal DP World Tour per aver partecipato senza autorizzazione all’evento inaugurale delle LIV Golf Invitational Series al Centurion Club il mese scorso.

In una lettera aperta, indirizzata a Pelley e pubblicata dal The Telegraph, i 16 giocatori hanno minacciato di intraprendere un’azione legale contro il DP World Tour se le multe e le sospensioni non saranno annullate.

Pelley ha risposto con forza nella giornata di oggi, rifiutandosi di fare marcia indietro.

In una dichiarazione ha affermato che: “È stata diffusa ai media una lettera che abbiamo ricevuto per conto di alcuni giocatori del LIV Golf e che contiene così tante inesattezze da non poter essere smentita.

“Prima di entrare a far parte del LIV Golf, i giocatori sapevano che ci sarebbero state conseguenze se avessero preferito il denaro alla competizione. Molti di loro all’epoca lo capivano e lo accettavano. Infatti, come ha detto un giocatore citato nella lettera in un’intervista ai media all’inizio di quest’anno: ‘Se mi bandiscono, mi bandiscono’. Non è credibile che alcuni siano ora sorpresi dalle azioni che abbiamo intrapreso”.

“La lettera sostiene che questi giocatori ‘tengono molto’ al DP World Tour. Un’analisi delle statistiche di partecipazione al nostro Tour negli ultimi anni di molti dei principali giocatori citati suggerisce il contrario.

“Un giocatore in particolare, citato nella nota, ha disputato solo sei eventi delle Rolex Series negli ultimi cinque anni. Un altro, solo quattro. Vorrei che molti di loro fossero stati così desiderosi di giocare sul nostro Tour come sembrano esserlo ora, visto che si sono dimessi dal PGA Tour o, se sono ancora iscritti, sono stati sospesi a tempo indeterminato.

“Inoltre, visto quanto questi giocatori dicono di tenere al DP World Tour, forse alcuni di loro avrebbero potuto giocare in Irlanda questa settimana a sostegno del nostro nuovo title sponsor, in particolare un giocatore che ci ha dato un impegno firmato per giocare a Mount Juliet.

“Con quel giocatore attualmente in azione al Pumpkin Ridge, si può immaginare che l’accusa contenuta nella lettera di essere in torto sia difficile da accettare.

Inoltre, siamo molto contrariati da un’affermazione contenuta nella parte finale della lettera, secondo la quale saremmo in qualche modo “in secondo piano” rispetto al PGA Tour. Niente di più sbagliato.

“Martedì scorso abbiamo tenuto un incontro con i giocatori in Irlanda, nel quale abbiamo illustrato con dovizia di particolari i numerosi vantaggi derivanti dall’ampliamento del nostro rapporto con il PGA Tour.

“Uno di questi è l’offerta senza precedenti di dieci wild card per il PGA Tour, carte che molti dei giocatori citati in questa lettera volevano disperatamente ottenere nelle prime fasi della loro carriera. Perché ora criticare chi sta cercando di fare lo stesso?

“La lettera esprime anche una presunta preoccupazione per il futuro del DP World Tour. Non c’è da preoccuparsi per questo.

“Il DP World Tour è un tour vivace, indipendente e globale, con una crescita del montepremi crescente e garantita nei prossimi cinque anni. Abbiamo tornei fantastici durante tutto l’anno, tra cui una serie di meravigliosi Open nazionali, tutti giocati davanti a grandi folle, come dimostra perfettamente l’Irish Open di questa settimana.

“Infine, non sarebbe opportuno che io commentassi eventuali questioni legali.

“Mi limiterò a ribadire che i nostri regolamenti per i soci, in vigore da oltre 30 anni e accettati da tutti i giocatori, servono a proteggere tutti i nostri soci e li utilizzeremo per prendere tutte le misure necessarie a tutelare i loro interessi.

“Le sanzioni per quei soci che hanno consapevolmente infranto le nostre regole giocando al Centurion Club senza una liberatoria sono proporzionate, giuste e, credo, considerate necessarie dalla maggioranza dei nostri soci”.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...