Virgilio Sport

Juventus, nuovi guai: Allegri annuncia un'altra assenza illustre

L'allenatore dei bianconeri sceglie di rinunciare per la gara contro il Napoli a tutti i nazionali sudamericani e a Federico Chiesa. Una gastroenterite ferma Juan Cuadrado.

Pubblicato:

Si dice che tornare subito in campo dopo una brutta sconfitta sia la medicina più salutare nel calcio. La Juventus non ha potuto farlo dopo il clamoroso ko casalingo subito contro l’Empoli nella seconda giornata prima della sosta della Serie A e alla ripresa del campionato lo scenario generale è volendo anche peggiore.

Il calendario riserva infatti la trasferta contro il Napoli di Luciano Spalletti a punteggio pieno dopo 180 minuti, gara delicata per tradizione e che la Juventus dovrà affrontare con una lunghissima lista di assenti che comprende tutti i giocatori reduci dagli impegni con le nazionali sudamericane oltre a Federico Chiesa, tornato malconcio dalle partite con l’Italia.

Max Allegri ha fatto il punto della situazione in conferenza stampa alla vigilia della partita del “Maradona” in programma sabato 11 settembre alle ore 18 annunciando la propria decisione: 

“Sarà sicuramente una bella partita perché affrontiamo una squadra forte e in un buon momento di forma. Non sarà difficile fare la formazione perché avrò pochi giocatori. Abbiamo 13-14 giocatori più tre ragazzi. Chi ha giocato stanotte arriverà sabato mattina in Italia, portarli a Napoli col rischio che si facciano male non penso abbia senso. Restano a casa e riposano, martedì abbiamo una partita importante perché la prima del girone di Champions è la più delicata.

Forfait dell’ultim’ora quello di Juan Cuadrado, che sarebbe potuto tornare con un jet privato insieme al compagno di nazionale David Ospina, portiere del Napoli: “Cuadrado era l’unico che poteva esserci ma ha avuto un attacco di gastroenterite ed è rimasto in Colombia per fare accertamenti. Verranno con noi De Winter, Soule e Miretti e magari troveranno spazio. Questo non è un alibi cercheremo di fare risultato. Resterà fuori per precauzione anche Chiesa che ha avuto un risentimento muscolare. In una partita di grande intensità come quella di domani ci sono sempre dei rischi. De Sciglio e Pellegrini sono pronti, dovrò valutare chi far giocare”.

Allegri sprona comunque il gruppo a reagire: “Non voglio sentire la parola emergenza, il calendario è questo e va accettato, se ognuno dice la propria non se ne esce. Penso che nelle difficoltà dobbiamo tirare fuori qualcosa in più. Sarà una gara stimolante e sono sicuro che faremo una grande partita. Il campionato è lungo. Non bisogna farsi prendere dalla fretta. Non dobbiamo esaltarci quando le cose vanno bene e nemmeno deprimersi quando vanno male, ci vuole equilibro. Dobbiamo migliorare e dobbiamo crescere come squadra. L’obiettivo è sempre quello di essere in corsa su ogni fronte a marzo”.

Fiducia assoluta invece a Wojciech Szczesny, deludente anche in Nazionale. E debutto bis in vista per Moise Kean: “A parte la partita di Udine Szczesny ha fatto benissimo anche contro l’Empoli. Il portiere titolare è lui nonostante Perin sia molto forte. Kean? L’ho trovato bene, è giovane e ha fatto molto bene al Psg. L’abbiamo voluto e sarebbe arrivato a prescindere dalla partenza di Cristiano Ronaldo”.

Non poteva mancare una battuta su Cristiano Ronaldo a due settimane dall”addio: “Cristiano non voleva più giocare alla Juventus, è andato via e comunque sarebbe stato il suo ultimo anno. Abbiamo anticipato questa scelta di un anno. Gli auguriamo il meglio, però la vita va avanti”.
 

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...