,,
Virgilio Sport

Juventus-Bologna per la ripresa bianconera: Allegri, ora o mi più

I bianconeri e Max Allegri si giocano tutto in casa col Bologna. In caso di altro ko deludente possibile ribaltone. Thiago Motta punta su Arnautovic

02-10-2022 14:52

Dopo le vittorie di Napoli e Milan e il ko dell’Inter contro la Roma, questa sera toccherà alla Juventus scendere in campo all’Allianz Stadium contro il Bologna di Thiago Motta.

Dopo la pausa per le nazionali, Allegri ha parlato di un gruppo rigenerato fisicamente e mentalmente. Inoltre, ha dichiarato che quella coi felsinei sarà una gara che aprirà un nuovo campionato per i bianconeri. Sarà così?

Juve, col Monza punto più basso da 10 anni a questa parte

Inutile nascondere una realtà che è stata discussa ampiamente nel corso di queste due settimane: il ko per 1-0 contro il Monza al Brianteo è stato il punto più basso che la Juventus ha toccato dal 2011 a questa parte, anno dell’arrivo in panchina di Antonio Conte in seguito ai due settimi posti consecutivi.

La Juve non vince da un mese, ovvero dal successo per 2-0 contro lo Spezia del 31 agosto. Successivamente i due ko in Champions contro PSG e Benfica, il ko contro il Monza e due pareggi contro Fiorentina e Salernitana.

Inoltre, mancano i gol di Dusan Vlahovic, lontano parente del panzer offensivo ammirato a Firenze, Kostic non si intende con i compagni così come Paredes, Chiesa e Pogba non giocheranno ancora chissà per quanto, Di Maria è squalificato dopo la figuraccia dell’espulsione contro il Monza.

Tutto al momento è contro i bianconeri, dai quali si attende una reazione furiosa a livello di personalità ancor prima che sul piano del gioco.

I precedenti sorridono alla Juventus, ma serve ritrovare certezze

I bianconeri possono affrontare con fiducia questa gara anche grazie ad alcune statistiche a loro favore. Per esempio,  la Juventus è rimasta imbattuta in 38 (28V, 10N) delle ultime 39 partite di campionato contro il Bologna (l’unico KO nel parziale è uno 0-2 del 26 febbraio 2011), pareggiando tuttavia la sfida più recente. L’ultima volta che i bianconeri hanno impattato due gare di fila contro i rossoblù nella competizione è stata nel marzo 2012.

La Juventus è la squadra contro cui il Bologna ha pareggiato (49) e perso più incontri nella sua storia in Serie A (78, 16 dei quali nelle 18 sfide più recenti). Tuttavia, attenzione Juve: in caso di mancato successo, questa sarebbe la sua seconda peggior partenza dopo otto gare in una stagione di Serie A nell’era dei tre punti a vittoria (dopo il 2015/16).

Ci sono altre due statistiche fanno sorridere la Vecchia Signora. Prima di tutto, l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha vinto 15 gare di Serie A contro il Bologna: nessun tecnico ha registrato più successi contro i rossoblù nell’era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95). Inoltre, la punta della Juventus Arkadiusz Milik ha segnato una doppietta in ciascuna delle due gare casalinghe giocate in Serie A contro il Bologna: il 17 settembre 2016 (da subentrato) e il 29 dicembre 2018, entrambe con il Napoli.

Juventus-Bologna, le probabili formazioni

Allegri in questa gara recupera alcune pedine importanti come Bonucci, lasciato in panchina tra le polemiche a Monza, Locatelli e Rabiot, due punti di riferimento della mediana bianconera.

Spazio al 3-5-2 sperimentale di Allegri, un modulo che forse favorisce un giocatore come Kostic, che non è un’ala offensiva pura ma più un esterno di centrocampo. Fondamentale sarà la coppia Vlahovic-Milik vista l’assenza di Di Maria, ancora non pienamente inserito nel mondo Juve più per atteggiamento che per altro.

Thiago Motta invece punterà tutte le sue fiches su Marko Arnautovic, autore di sei delle sette reti del Bologna in questo campionato, che potrebbe diventare il secondo giocatore negli ultimi 50 anni a realizzare almeno sette gol nelle prime otto gare dei rossoblù in una stagione di Serie A dopo Roberto Baggio nel 1997/98.

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Bremer; De Sciglio, Locatelli, Paredes, Rabiot, Kostic; Vlahovic, Milik.

BOLOGNA (4-3-3): Skorupski; De Silvestri, Medel, Lucumi, Lykogiannis; Soriano, Schouten, Dominguez; Orsolini, Arnautovic, Sansone.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...