,,
Virgilio Sport

League of Legends, ecco il nuovo campione che spinge all'inclusione

L'ultimo campione della Lega, K'Sante, rafforza ancor di più le iniziative sulla diversità di Riot. Per League of Legends, e per Riot Games nel suo insieme, la diversità e l'inclusione sono state spinte in primo piano negli ultimi anni. La spinta di Riot a rappresentare più culture e popoli nei suoi giochi è stata amplificata con i suoi due titoli principi, League e VALORANT.

19-10-2022 00:17

Francesco Basile

Francesco Basile

eSport Web Editor

Nato con i videogame, è già un superesperto di eSports. Ha fatto nascere diverse iniziative di settore e sa tutto, ma veramente tutto, di quello che ruota dentro e intorno al mondo dello sport virtuale. Per Virgilio Sport approfondisce e racconta l’eSport a 360 gradi con l’esperienza di un giovanissimo veterano.

League of Legends, ecco il nuovo campione che spinge all'inclusione

L’ultimo campione della Lega, K’Sante, rafforza ancor di più le iniziative sulla diversità di Riot. Per League of Legends, e per Riot Games nel suo insieme, la diversità e l’inclusione sono state spinte in primo piano negli ultimi anni. La spinta di Riot a rappresentare più culture e popoli nei suoi giochi è stata amplificata con i suoi due titoli principi, League e VALORANT.

Riot Games: sinonimo di inclusività

Il prossimo campione della Lega, K’Sante, che uscirà entro la fine dell’anno, spingerà le iniziative sulla diversità di Riot in un nuovo territorio. La storia e il background di K’Sante continuano la missione dell’azienda di diversificare i personaggi nei suoi giochi. Ricordiamo infatti che la maggior parte delle recenti uscite di campioni risalenti al 2020 hanno rappresentato e sono state ispirate da gruppi emarginati del mondo reale. K’Sante segna un nuovo territorio per il roster del gioco di oltre 160 campioni come la sua prima aggiunta nera e apertamente gay.

“Diversità e inclusione è qualcosa che, in particolare per i campioni della Lega, abbiamo fatto molta strada ma dobbiamo ancora andare sempre più lontano”, ha detto Michael Luo, designer narrativo di Riot, in una recente intervista. “In nessun modo un personaggio compensa gli anni di lavoro su D&I (diversità e inclusione) che ci resta ancora da fare”.

D&I obiettivo principale

Nel 2020, Riot ha fortemente aumentato i suoi sforzi a livello aziendale per rafforzare la sua autorità nella sfera D&I, con progressi compiuti in più giochi per rappresentare culture, paesi, background e orientamenti diversi. In VALORANT, apparentemente ogni nuovo agente che si unisce al roster rappresenta un nuovo paese.

Per i più esperti del gioco le abilità di K’Sante includono danni ai nemici colpiti per un breve periodo. Attaccare un nemico marchiato consuma il marchio per infliggere danni più danni fisici bonus in base alla salute massima. Infine attaccare un nemico marchiato infligge invece danni fisici e danni puri bonus in base alla salute massima.

“Essere in grado di raggiungere le persone e riuscire a far si che queste possano ritrovarsi nei personaggi è davvero meraviglioso. Sentirsi responsabilizzati a raccontare quelle storie e permetterci di intrecciare quelle storie nel tessuto generale di League of Legends è il nostro obiettivo finale “, ha affermato Thomas Randby, skin designer del team di K’Sante.

Leggi anche:

Caricamento contenuti...