Virgilio Sport

Marotta-Inter, la firma slitta: svelato il motivo

L'annuncio ritardato dell'approdo in nerazzurro dell'ex dirigente della Juventus non compromette il mercato: già partiti i primi duelli con i bianconeri.

Pubblicato:

Marotta-Inter, la firma slitta: svelato il motivo Fonte: 123RF

Si chiamano “motivi di opportunità” ed è una formula che esprime quanto sia consigliabile, a volte, temporeggiare per prendere una decisione o per ufficializzare una nomina, proprio per questioni che consigliano, più che impongono, una certa prudenza. Così al termine di un anno importante sul fronte dell’eterna rivalità tra l’Inter e la Juventus, che lo scorso 26 aprile hanno “salutato” il 20° anniversario dell’epica sfida dei veleni della stagione 1997-’98 e che poche ore dopo dopo hanno vissuto un altro capitolo pieno di tensione con quello scontro diretto a San Siro vinto nel finale dai bianconeri con la controparte inviperita per la mancata espulsione di Miralem Pjanic, ecco la decisione che non ti aspetti, quella di far slittare la firma di Giuseppe Marotta come nuovo dirigente dell’Inter.

Dopo il ritorno dal viaggio in Cina dell’ex ad e dg della Juventus che, come accaduto in passato a Walter Sabatini e a Luciano Spalletti, ha dovuto fare visita al quartiere generale di Suning a Nanchino prima di entrare definitivamente nella galassia nerazzurra, conoscendo il presidente Steven Zhang e il patron Zhang Jindong, i tempi sembravano maturi per la firma e l’annuncio, ma, appunto i motivi di opportunità di cui sopra hanno consigliato di far slittare il tutto di qualche giorno. Il motivo va ricercato… nel calendario, dato che il 7 dicembre all’”Allianz Stadium” di Torino si giocherà proprio l’andata del Derby d’Italia e quella sarebbe potuta essere la prima gara ufficiale per il Marotta interista.

Una partita già carica di tensioni a prescindere, anche se si giocasse in amichevole, non ha proprio bisogno di ulteriori motivi che acuiscano i veleni tra le due tifoserie, che a distanza sul web si stanno già beccando proprio per il clamoroso passaggio del dirigente varesino da una parte all’altra. Tutto fatto, comunque, a partire dai compiti che Marotta avrà a Milano, quelli di amministratore delegato dell’area sport, di fatto lavorando in simbiosi con il direttore sportivo Ausilio, come è definita la questione economica, con un ingaggio di 1,5 milioni più bonus. Missione, riportare l’Inter a vincere, più che a lottare per il vertice. Per farlo, la squadra andrà rinforzata in maniera massiccia, magari puntando anche su qualche giovane.

In tal senso qualche duello proprio con la stessa Juventus è già in vista, come quelli per i difensori Joachim Andersen, danese della Sampdoria, o Jean-Clair Todibo del Tolosa, senza trascurare ovviamente il gioiellino Sandro Tonali, primo 2000 convocato in Nazionale. Per molti è già il ‘nuovo Pirlo’: i tifosi dell’Inter non possono non pensare che l’epopea juventina di Marotta partì proprio assicurnadosi “l’originale”.

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...