Virgilio Sport

Milan-Torino, la moviola: Focus sul rosso a Djidji che ha scatenato Juric

La prova dell'arbitro Rapuano in coppa Italia a San Siro vista da Bergonzi, l'ex fischietto litiga col tecnico granata

12-01-2023 08:57

Fabrizio Piccolo

Fabrizio Piccolo

Giornalista

Nella sua carriera ha seguito numerose manifestazioni sportive e collaborato con agenzie e testate. Esperienza, competenza, conoscenza e memoria storica. Si occupa prevalentemente di calcio

Quando è stato designato Rapuano di Rimini per dirigere il match di coppa Italia di San Siro col Milan in casa Toro si sono un po’ preoccupati: i tre precedenti parlavano di bilancio in perfetto equilibrio per i granata (una vittoria, un pari e una sconfitta) ma l’allarme rosso era scattato perché in tutti e tre i match era stato fischiato un rigore contro. Dopo la partita del Meazza si aggiungerà una nuova statistica preoccupante, ovvero che su 4 gare dirette da Rapuano ci sono stati due espulsi del Torino e quello di ieri ha fatto discutere non poco.

Milan-Torino, sotto accusa i due gialli a Djidji

Non ci sono stati molti casi dubbi in Milan-Torino: un presunto rigore reclamato da Tonali al minuto 105, dove Rapuano ha visto bene e ha lasciato correre, e un episodio dubbio al 75′, quando Vranckx cade dopo un contatto con un giocatore del Torino: il belga era fuori area resta però il dubbio per l’intervento del calciatore granata Ricci. La punizione ci stava. A far discutere però è stata soprattutto l’espulsione di Djidji.

Il giocatore granata ha rimediato due gialli, il primo al 14′ quando entra in contatto con Dest ed è un’ammonizione a dir poco severa, il secondo al 69′ quando interviene in modo scomposto a centrocampo per non far involare Messias solo conto Milinkovic-Savic. Djidji entra sì con la gamba alta ma prendendo la palla in pieno. Il VAR sarebbe dovuto intervenire.

Milan-Torino, la rabbia di Juric per il rosso a Djidji

Il rosso al suo giocatore ha fatto infuriare il tecnico del Torino Juric che continuava ad urlare: “Ha preso la palla”. La qualificazione ottenuta alla fine ha ammorbidito inizialmente il tecnico del Toro che a fine gara è sembrato più sereno: “Mi sembrava che Djidji avesse preso la palla, poi magari rivedendola avrei cambiato idea. Fino a quel momento avevo visto un grande Toro, creando occasioni e subendo poco”. Quando però è arrivata l’analisi dell’ex arbitro Bergonzi, Juric ha perso il sorriso.

Milan-Torino, per Bergonzi il rosso è giusto

L’ex arbitro, moviolista di Mediaset ha spiegato come a suo dire l’espulsione fosse giusta perché Messias anticipa l’avversario, che pur sfiorando poi la sfera travolge l’attaccante parlando di intervento “imprudente”. Un’analisi che ha fatto arrabbiare Juric che ha ripetuto: “No, no no. Ma cosa stai dicendo”. E poi ancora ha ribadito la sua tesi: “Non sono d’accordo assolutamente, prende palla netta”. Alla fine le acque si sono calmate, con Juric che ha invitato a guardare avanti, ma chissà cosa sarebbe successo se il Toro fosse stato eliminato.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...