,,
Virgilio Sport

Milan, Zlatan Ibrahimovic incorona Donnarumma e difende Djokovic

Non solo, nel corso di un'intervista all'Equipe, il fuoriclasse rossonero ha svelato cosa ha consigliato a Mbappé per il futuro.

23-01-2022 15:21

Zlatan Ibrahimovic non ha dimenticato la Francia e il suo passato al Psg. In un’intervista rilasciata a L’Equipe, il campione del Milan si è detto soddisfatto di ciò che ha fatto nel club di Al-Kelaifi: “Sono fiero di quello che ho fatto al PSG. Ogni giorno, il club diventa sempre più grande e posso dire che anche io ho dato la mia parte, portando ciò che avevo imparato alla Juventus e al Milan. Non mi sono adattato io al PSG, è stato l’inverso”.

Milan, Ibrahimovic elogia Donnarumma

Adesso il Psg è uno dei primi club al mondo e può vantare tanti campioni come Messi, Neymar e Sergio Ramos. Nell’intervista però, Ibrahimovic si è soffermato sull’ex comapgno di squadra Donnarumma e su un altro fenomeno del club, ovvero Mbappé. Sul portiere azzurro, lo svedese non ha dubbi: “È il più forte del mondo e basta. Non c’è da discutere. Ho giocato con lui, so cosa sto dicendo”. 

Ibrahimovic e il consiglio a Mbappé

Sul futuro di Mbappé, Ibrahimovic ha svelato cosa gli ha consigliato: “Quale scelta prenderà? Dipende cosa vuole e cosa pensa. Io al Real Madrid ci sarei andato, ma se fossi un dirigente del PSG cercherei di trattenerlo. Solo lui deciderà. Mbappé me lo ha chiesto e io gli ho detto: ‘Al tuo posto andrei al Real’. Ho giocato in diversi paesi ed è così che sono cresciuto. Se resti sempre nel giardino di casa è più facile. Se vai in quelli degli altri è un’avventura…”.

Non solo calcio. Sul domenicale francese ‘Le Journal du Dimanche’, Ibrahimovic ha voluto spendere alcune parole anche sul caso Novak Djokovic, che è stato centro di discussione per settimane non solo agli Australian Open, ma in tutto il mondo.

Covid, Ibrahimovic difende Djokovic

Ibrahimovic ha difeso Djokovic, che è tra le altre cose un grande tifoso del Milan: “Io mi sono vaccinato per proteggermi e proteggere gli altri, ma vaccinarsi per ragioni di salute non è lo stesso che per partecipare a un torneo di tennis. Chi si vaccina lo fa perché ci crede e pensa sia efficace contro la malattia. Ma ognuno ha la sua opinione. La gente non dovrebbe essere costretta a vaccinarsi solo per andare al lavoro. Io mi sono vaccinato perché penso sia il modo migliore per proteggermi, non per giocare a calcio. Si tratta di due situazioni differenti”. Un pensiero non condiviso però dall’Australia, che ha preferito “cacciare” Djokovic impedendogli così di partecipare agli Australian Open.

Tags:

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...