Virgilio Sport

Mondiali, Qatar 2022 boccia l’Italia per la seconda volta: si salvano in pochi tra i giocatori della A

I Mondiali in Qatar non sembrano sorridere all’Italia e alla serie A: deludono Paredes e Di Maria, Dybala mai in campo, si salvano solo Giroud e Rabiot

Pubblicato:

Gerry Capasso

Gerry Capasso

Giornalista

Per lui gli sport americani non hanno segreti: basket, football, baseball e la capacità innata di trovare la notizia dove altri non vedono granché

L’Italia sembra avere proprio un brutto feeling con i Mondiali in Qatar. Per la seconda volta la nazionale azzurra è stata costretta a guardare la rassegna iridata da casa, stavolta nonostante il titolo di campione d’Europa in tasca. Una delusione profonda per il movimento italiano che sembra essersi anche acuita con la prestazione dei giocatori che militano nel nostro campionato. In pochi infatti sono stati capaci di accendere la luce su di loro creando così sempre più domande per i dirigenti del nostro calcio.

Mondiali: si salvano solo Giroud, Rabiot e Sabiri

L’Italia non c’è in Qatar ma i tifosi italiani speravano di assistere a prestazioni di livello dai calciatori che militano nel nostro campionato. In realtà però le cose non sono andate esattamente così mettendo la serie A sempre più alla periferia del calcio che conta. Ma prima di passare a rimandati e bocciati, partiamo dalle note positive di questa edizione dei Mondiali. La certezza porta il nome di Olivier Giroud, l’attaccante francese del Milan sta guidando la sua nazionale a suon di gol pesanti come fa anche con i rossoneri.

La conferma è invece Adrien Rabiot. Il centrocampista della Juventus, che la scorsa estate è stato a un passo dal trasferimento al Manchester, ha confermato gli ottimi progressi fatti quest’anno con la maglia bianconera. Allegri lo considera centrale nel suo progetto e Deschamps ha fatto altrettanto. La sorpresa è invece Abdelhamid Sabiri, il centrocampista della Sampdoria, è stato uno dei giocatori più importanti nella cavalcata del Marocco alle semifinali. Tra i giocatori di maggiore spicco anche Amrabat, il giocatore della Fiorentina potrebbe anche finire nella Top 11 dell’intero Mondiale.

Mondiali: Paredes e Di Maria cercano ancora l’acuto

Non è stato un Mondiale da sogno per Leandro Paredes. Il centrocampista dell’Argentina è balzato agli onori della cronaca solo per la rissa scatenata con la pallonata verso la panchina dell’Olanda ma potrebbe avere occasione di rifarsi nella semifinale contro la Croazia. Anche per Di Maria è stato un Mondiale deludente dal punto di vista personale dovuto ai soliti problemi fisici che non gli hanno permesso di esprimersi con continuità. Alti e bassi invece per Theo Hernandez che dopo una fase a gironi molto positiva ha avuto un paio di prestazioni altalenanti soprattutto contro l’Inghilterra. Nella categoria “Chi l’ha visto?” finisce invece Paulo Dybala. L’attaccante della Roma ha fatto di tutto per arrivare al Mondiale dopo l’infortunio in giallorosso ma Scaloni per il momento non gli ha concesso nemmeno un minuto.

Mondiali: malissimo Kim, disastro Lukaku

Tanti i bocciati della nostra serie A a cominciare dal difensore del Napoli, Kim Min Jae: un muro con la maglia degli azzurri, decisamente in difficoltà con quella della sua Corea del Sud. E tra gli azzurri primi nel nostro campionato non hanno brillato nemmeno Anguissa e Lozano. Discorso a parte per Romelu Lukaku. L’attaccante belga ha fatto di tutto pur di essere presente in Qatar dopo l’infortunio che ha condizionato tutta la sua prima parte di stagione. Una scarsa condizione fisica che ha portato alla prova disastrosa contro la Croazia, con due clamorose occasioni da gol fallite. Ora il ritorno a Milano e la voglia di mettersi alle spalle questa delusione.

In casa Milan fanno discutere anche i Mondiali di Rafael Leao. Il Portogallo esce ai quarti di finale per mano del Marocco con soli 20 minuti per l’attaccante rossonero. Doveva essere il Mondiale della consacrazione per l’esterno di Stefano Pioli che invece è finito indietro nelle rotazioni di Santos ed ha avuto pochissime occasioni per mettersi in evidenza. Ci si aspettava qualcosa di più anche da Charles De Ketelaere che dopo un inizio di stagione in sofferenza con il Milan, sperava di dare una scossa alla sua annata in Qatar: anche su questo fronte però non arrivano buone notizie.

Leggi anche:

Falkensteiner Hotel & Spa Jesolo

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...