Virgilio Sport

Napoli, Ziliani tuona sulla Figc: Ricordate che volevano fare?

Il giornalista tira fuori il precedente di Juventus-Inter, a marzo: Gravina avrebbe desiderato che si giocasse a porte aperte, in piena pandemia.

18-11-2020 09:36

Paolo Ziliani è un fiume in piena. Più arrivano notizie di partite rinviate, sospese o addirittura annullate dall’Uefa per l’emergenza Covid in giro per l’Europa, più diventano vibranti gli attacchi alla Figc per le decisioni immediatamente successive alla mancata disputa di Juventus-Napoli. Tanti i Tweet dedicati dal giornalista all’argomento.

Ziliani e Svizzera-Ucraina

Ad esempio il match di Nations League tra Svizzera e Ucraina, ininfluente per la classifica, è stato cancellato. Ecco il post di Ziliani sul suo profilo: “La UEFA ha informato la Fed. Ucraina che ‘a causa della decisione competente del Dipartimento della Salute del Cantone di Lucerna di mettere in quarantena l’intera delegazione ucraina, la partita Svizzera-Ucraina non può aver luogo’. Non ricordo la FIGC così per Juventus-Napoli“. E ancora: “Riassumendo. L’UEFA dice che il Dipartimento di Salute di Lucerna è ‘competente’, quindi Svizzera-Ucraina non si gioca. Per la Figc invece  l’ASL di Napoli non lo era, ne sapevano di più Gravina e Agnelli. Vi viene da ridere? Solita miserabile figura?”. Non è finita: “Domanda delle cento pistole: visto che l’UEFA ha considerato ‘competente’ il Dipartimento di Salute di Lucerna che ha impedito la disputa di Svizzera-Ucraina, mentre la FIGC schifò bellamente l’ASL di Napoli, che farà domani l’Istituto Luce visto che il protocollo è lo stesso?”.

Ziliani e l’affondo sulla Federcalcio

Quindi un doppio affondo sulla federazione. Prima un Tweet volutamente provocatorio: “Se in tempo di guerra lo zio di Gravina fosse stato a capo della Federaz. Briscola, il Dipartimento Militare avesse detto: niente partite di sera, piovono bombe, e il Napoli non si fosse presentato al tavolo della Real Casa, sarebbe scattato lo 0-3. Il protocollo innanzitutto”. Poi una domanda per rinfrescare la memoria: “Per non dimenticare. La Figc che ha dato partita persa (e 1 punto di penalizzazione) al Napoli e Agnelli che s’è messo in tasca i 3 punti sono gli stessi che tentarono fino alla fine di far giocare Juventus-Inter a porte aperte, lunedì 9 marzo, in piena pandemia”. In allegato, un articolo di Tuttosport con il piano per la partita e per i recuperi. Tutti a porte aperte, a marzo, come se nulla stesse accadendo in Italia e nel mondo.

Ziliani-Figc, le reazioni dei tifosi

Non mancano i commenti dei tifosi. “Ricordiamo anche i bravi giornalisti che passarono le settimane seguenti ad attaccare Zhang per aver detto la verità, cioè che Dal Pino è un buffone (in abbondante compagnia, aggiungo io)”, scrive Alberto. Angelo ricorda un altro dettaglio: “E il brutto è che la Juve non ha mai smesso di vendere biglietti anche quando la partita era calendarizzata in pieno lockdown”. Pasquale invece si sofferma sulla relazione tra Svizzera-Ucraina e Juventus-Napoli: “Diranno che i positivi erano solo due… continuando a ‘dimenticare’ che il Napoli aveva appena incontrato una squadra focolaio!”.

Napoli, Ziliani tuona sulla Figc: Ricordate che volevano fare? Fonte: Ansa

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...