Virgilio Sport

O'Animale Bruno: "Ecco come intimidirei Cristiano Ronaldo"

L'ex difensore, che ha giocato per Juventus e Torino, è un tifoso granata dichiarato.

Pubblicato:

O'Animale Bruno: "Ecco come intimidirei Cristiano Ronaldo" Fonte: 123RF

È uno dei tanti doppi ex del derby di Torino, anche se di dubbi sulla parte da cui schierarsi Pasquale Bruno non ne ha. Sotto la Mole l’ex difensore salentino ha passato sei anni equamente divisi dal 1987, prima alla Juventus e poi al Torino, ma una volta indossata ha capito subito che la maglia granata era quella che più si addiceva alle proprie caratteristiche di guerriero, di marcatore, o stopper come si diceva una volta, arcigno e durissimo da superare. Poi, il fatto di aver giocato nel Torino più forte del post-scudetto 1976, quello che con il compianto Emiliano Mondonico in panchina raggiunse terzo posto in Serie A, finale di Coppa Uefa e vittoria in Coppa Italia, ha ulteriormente aiutato nella scelta…

Peraltro Bruno, oggi agente di calciatori, è legato alla storia dei derby di Torino per lo spiacevole episodio dell’espulsione subita nella partita del novembre 1991, seguita da abbondanti proteste che portarono a una squalifica di otto giornate. Quel giorno a ‘O’Animal’, affettuoso soprannome dall’ex compagno alla Juventus Tricella, toccò la marcatura di Pierluigi Casiraghi, centravanti classico. C7

Chissà come Pasquale se la caverebbe con Cristiano Ronaldo, che ha caratteristiche diverse, ma che potrebbe anche soffrire un difensore vecchio stampo. Questo almeno è il pensiero del diretto interessato che, in un’intervista a ‘Tuttosport’, ha chiuso gli occhi e immaginato, dando pure qualche consiglio a Nkoulou e soci: “Quanto mi piacerebbe marcare Cristiano Ronaldo? Bisognerebbe chiedere a lui. Vorrei sapere cosa penserebbe di un difensore che gli si appiccica addosso per tutta la partita, altro che i due o tre metri che vengono concessi ora. I gomiti nelle costole a palla lontana, le intimidazioni o la maglia tirata erano trucchi che adottavo, poi con le telecamere ovunque il discorso è cambiato. Qualche intimidazione con le mani davanti alla bocca, comunque, le farei anche adesso, allo juventino”.

Fermare Ronaldo, appannato nelle ultime due partite, potrebbe comunque non bastare. Per l’impresa impossibile Bruno ritiene che sarà fondamentale avere un approccio coraggioso, a differenza di quello rinunciatario avuto negli ultimi derby: “Loro sono fortissimi, hanno 22 giocatori intercambiabili. Il Toro potrà avere le sue possibilità se avrà voglia di giocarsela, di proporsi, di sfidare i bianconeri nell’uno contro uno, tanto è inutile pensare ai raddoppi, uno libero spunta sempre…”.
 

SPORTAL.IT

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...