Virgilio Sport

José Mourinho non può accettare il doppio incarico, il no della Roma decisivo

Secondo A Bola, quotidiano lusitano, l'ipotesi di un incarico a Mou sarebbe una eventualità da considerare così come da parte di una certa opinione pubblica ed esperti. Ma la Roma lo permetterà?

16-12-2022 15:16

Elisabetta D'Onofrio

Elisabetta D'Onofrio

Giornalista e content creator

Giornalista professionista dal 2007, scrive per curiosità personale e necessità: soprattutto di calcio, di sport e dei suoi protagonisti, concedendosi innocenti evasioni nell'ambito della creazione di format. Un tempo ala destra, oggi si sente a suo agio nel ruolo di libero. Cura una classifica riservata dei migliori 5 calciatori di sempre.

Per José Mourinho non c’è nell’imminente futuro un posto da occupare sulla panchina che Fernando Santos lascerà vacante. Dopo una notte di riflessione, ecco che la decisione partorita è un secco e prevedibile no al doppio incarico che avrebbe potuto salvare Portogallo e panchina della Roma, oltre che gli accordi stretti con i Friedkin.

La lunga notte del giudizio per Mourinho e Jorge Mendes

Entriamo nei dettagli di questa nottata che ha portato giudizio: Jorge Mendes, procuratore di Mourinho, secondo quanto riporta il Corsport ha incontrato con il suo collaboratore Valdir Cardoso, il presidente della federcalcio portoghese Fernando Gomes.

E a loro ha riportato la risposta dell’allenatore della Roma alla possibilità del doppio incarico: Mourinho, adesso, per la persona che è e l’allenatore che vuole continuare a essere non intende accollarsi anche l’impegno della Nazionale, che sarebbe un onore guidare. Ma con altre premesse e, di certo, con altri vincoli.

D’altronde il contratto che lo lega alla società dei Friedkin ha una scadenza nota, quella del 2024 e con questa deadline si potrebbe riflettere seriamente sull’incarico da ct nel post in vista dei prossimi Mondiali che porteranno la data del 2026. Due anni che risultano un tempo utile anche se non inesauribile per plasmare una rappresentativa che, priva di Cristiano Ronaldo (così fosse), andrebbe incontro a un netto intervento da parte del commissario e, dunque, da Mou.

Fonte: ANSA

Clamorosa ipotesi per la Nazionale: idea Mourinho

In terra natia, un allenatore come José Mourinho che al quotidiano A Bola l’ex nazionale Machete considera il papabile successore, sarebbe assistere al suo ingresso in federazione al sogno.

Un meraviglioso obiettivo che dovrebbe trovare concordi lo Special One e i Friedkin che non hanno certo ingaggiato José per vedersi solo una Conference League tra i trofei. Quale sarebbe, dunque, la possibile e praticabile soluzione da mettere in piedi per consentire di salvare il salvabile e gestire al meglio questo passaggio che indolore non sarà, dopo l’addio a Santos?

L’idea di affidare a Mou, personaggio carismatico e quasi visionario, la guida della Selecao non sarebbe da bocciare a priori: ha un senso, ma tramontata l’ipotesi affascinante e suggestiva del doppio incarico, eventualità intrinsecamente remota, è tutto da rifare.

Tags:

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Liberati dell'amianto in modo sicuro

Caricamento contenuti...