Virgilio Sport

Roland Garros, la maggior esperienza ai 5 set di Novak Djokovic

Lo sport al meglio dei 3 o dei 5 set è completamente differente, e questa è anche l'opinione di Nole, che dopo essere stato sotto di due set vince proprio grazie all'esperienza in partite del genere.

Pubblicato:

Roland Garros, la maggior esperienza ai 5 set di Novak Djokovic Fonte: Getty Images

Novak Djokovic ha raggiunto i quarti di finale del Roland Garros 2021, anche se ha dovuto faticare davvero, questa volta, contro il nostro Lorenzo Musetti, autore di due set (i primi due), in cui stava dando la sensazione di potercela fare davvero, che il miracolo fosse possibile. Il nativo di Carrara ha fatto sudare tantissimo il numero 1 al mondo nei primi due set, per poi perdere colpi passate le due ore di gioco e ritirarsi sul 4-0 del quinto parziale Un crollo prettamente fisico, dunque, a dimostrazione che gli Slam al meglio dei 5 sono un altro sport in tutto e per tutto rispetto ai 1000, ai 500 e via così. Se poi ci si mette l’enorme differenza di esperienza sia dal punto di vista del gioco che della propria gestione fisica, ecco che si arriva a questo risultato.

Il serbo ha parlato poi in conferenza stampa delle sue sensazioni di partita, rivelando di essersi svegliato solo dopo le due sberle a zero rifilatigli dall’azzurro:

“In verità mi sentivo più nervoso a inizio gara rispetto a quando mi sono ritrovato sotto due set a zero. Anzi, ho apprezzato il fatto di aver perso i primi due set: ero teso, non riuscivo a eseguire i miei colpi, ho commesso molti errori non forzati. I meriti sono tutti di Musetti che ha giocato i punti importanti. Dopo aver perso il secondo set mi sentivo diverso, mi sentivo meglio negli scatti, avevo fiducia e di conseguenza ho iniziato a diminuire gli errori”.

Inevitabile un commento sul calo fisico dell’italiano, che a 19 anni può comunque permettersi di perdere partite del genere, proprio come ha detto già Sinner nei mesi scorsi:

“Ho visto che tra fine terzo set e l’inizio del quarto è calato molto, mi ha dato migliori motivazioni per mettergli pressioni. Peccato che non sia riuscito a mantenere il livello fisico, almeno per darsi una chance di vincere questa partita, nei primi due set stava dominando. L’esperienza mi ha aiutato di sicuro; conosco bene Lorenzo, ci siamo allenati bene. Ha tutte le qualità per diventare un giocatore d’elite, sulla terra come su altre superfici. Gli auguro ogni bene, è un bravo ragazzo”.

Poi Nole parla proprio dell’aspetto dei 5 Set, situazione completamente differente rispetto agli altri torneo e per i quali serve una preparazione ed un esperienza particolari:

“Mi piace giocare contro i giovani al meglio dei cinque set, perché so di avere chance di recupero anche sotto uno o due set a zero. Avendo vinto la maggior parte di queste partite, penso mi aiuti. Ma comunque sono dispiaciuto che questa partita sia finita con un ritiro, stava male fisicamente, probabilmente dall’inizio del quarto set“. 

Il suo prossimo match sarà con Matteo Berrettini:

“È un giocatore in forma, gran servizio e gran dritto. Ha giocato bene in ATP Cup, è un giocatore da top 10 negli ultimi due anni. E in questo momento, quando arrivi ai quarti di finale di uno Slam, devi essere fisicamente e psicologicamente al meglio per avere chance di vittoria”.

Tags:

Leggi anche:

Club Med

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Etichette per la tua azienda?

Caricamento contenuti...