Virgilio Sport

Ronaldo, uomo delle finali e cannibale: "Scudetto? Ci siamo"

Cristiano Ronaldo si è confermato uno specialista delle finali. I suoi numeri sono da urlo e i titoli vinti con la Juve ora sono quattro.

Pubblicato:

Ronaldo, uomo delle finali e cannibale: "Scudetto? Ci siamo" Fonte: Getty Images

Non poteva mancare la firma di Cristiano Ronaldo in una notte che passerà alla storia come quella del primo titolo da allenatore per Andrea Pirlo. La Juventus, battendo 2-0 il Napoli a Reggio Emilia, è tornata ad alzare un trofeo al cielo e lo ha fatto anche grazie al suo fuoriclasse lusitano.

E’ stato infatti proprio Ronaldo, che è stato anche nominato miglior giocatore della gara, ad aprire le marcature poco dopo l’ora di gioco e la cosa non è propriamente casuale. Anche in bianconero CR7 si sta confermando un’autentica macchina da goal e in tal senso i numeri non mentono.

Il 7 bianconero ha segnato 32 reti nelle ultime 32 presenze in tutte le competizioni con la Juve, il che vuol sostanzialmente dire che sta viaggiando alla media di un goal a partita. A ciò va aggiunto anche un altro particolare non da poco: è uno straordinario ‘uomo finali’.

Nelle ultime 10 giocate a livello di club ha segnato qualcosa come 9 goal, mentre se si va a vedere il computo complessivo il numero di marcature sale a 20 in 31 finali, comprese quelle con la formula andata-ritorno.

Numeri non solo da fuoriclasse assoluto (contro il Napoli ha segnato il goal numero 760 in carriera, cosa questa che lo porta a -7 da un certo Pelé) ma anche da autentico ‘cannibale’. Quando Cristiano Ronaldo vede il traguardo riesce a dare il meglio di sé e questa non è una cosa da poco.

Grazie alla vittoria di Reggio Emilia, sale a quattro il numero di titoli vinti in Italia con la maglia della Juventus (mentre sono 31 quelli vinti in carriera): due Scudetti e due Supercoppe Italiane. Non male per chi è arrivato in bianconero solo nell’estate del 2018, ma non ha alcuna voglia di fermarsi qui.

Sebbene quello della Juventus sia sin qui stato un campionato condito da alti e bassi, l’obiettivo è confermarsi campione d’Italia e a spiegarlo è stato lui stesso dopo il triplice fischio finale del Mapei Stadium ai microfoni della Rai. “Per lo Scudetto è ancora tutto aperto. Milan e Inter sono forti, ma noi possiamo vincere ancora. Non sarà facile, ma non è impossibile”.

Tags:

Leggi anche:

Caricamento contenuti...