Virgilio Sport

Rugby, Sei Nazioni: stipendi incerti, il Galles minaccia lo sciopero

A rischio la disputa della gara contro l'Inghilterra: i giocatori del XV del Porro sul piede di guerra per motivazioni economiche riguardanti il massimo campionato locale

22-02-2023 13:28

Il rugby gallese minaccia lo sciopero e a finire a rischio è la sentitissima partita del Sei Nazioni contro gli acerrimi rivali dell’Inghilterra, in programma sabato 25 febbraio alle 17,45 al Millennium Stadium di Cardiff.

Rugby, Sei Nazioni: i giocatori del Galles minacciano lo sciopero

Il fatto è che i giocatori del “XV del Porro” sono sul piede di guerra e le motivazioni sono prettamente economiche, che si intersecano con il sistema rugbistico nazionale. Molti dei giocatori della selezione del commissario tecnico neozelandese Warren Gatland, infatti, non sarebbero certi dei contratti con le rispettive squadre di club in vista del prossimo anno. E nemmeno a quali cifre, visto che a ovest di Bristol si sono cominciate a rincorrere voci riguardanti forti riduzioni.

Galles e il possibile sciopero al Sei Nazioni: stipendi e futuro incerto per i giocatori

Nate sotto la forte spinta della Federazione Rugbistica Gallese, infatti, le 4 franchigie regionali che forniscono la maggior parte degli elementi alla nazionale della palla ovale – ovvero Ospreys, Scarlets, Dragons e Bluesnavigano in cattive acque economiche. L’aspetto che conferma il fatto che si stia facendo sul serio è arrivata dalla mancata comunicazione della formazione da parte dello stesso commissario tecnico Warren Gatland. E ciò, ovviamente, non è passato inosservato.

Galles e il possibile sciopero al Sei Nazioni: quella clausola che irrita i giocatori…

Gatland ha dichiarato alla stampa nazionale:

Lo sciopero è, indubbiamente, una minaccia reale. Tuttavia, avendo parlato con alcune persone oggi, sono fiducioso che il problema verrà risolto. Ciò che i giocatori chiedono è ragionevole e loro sono consapevoli che in futuro sarà necessario ridurre gli stipendi”.

Non solo ragioni economiche: tra le altre clausole poste dai giocatori gallesi, ci sarebbe infatti la cancellazione della regola circa le 60 presenze raggiunte con la nazionale, ovvero la discriminante che consentirebbe ai rugbisti di continuare a vestire la maglia del Galles in casa di trasferimento ad un club straniero.

Leggi anche:

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi
SERIE A:
Lecce - Inter
Milan - Atalanta
SERIE B:
Modena - Spezia

SPORT TREND

Non farti bloccare dalle paure

Caricamento contenuti...