,,

Virgilio Sport

Sinner si ripete: lezione ad Alcaraz e trionfo ad Umago

Primo titolo stagionale per l'altoatesino, che nella finale del 250 di Umago, in Croazia, travolge lo spagnolo con il punteggio di 6-7, 6-1, 6-1, bissando il successo di Wimbledon

31-07-2022 22:59

Carlos Alcaraz si è smarrito, Jannik Sinner si è ufficialmente ritrovato. Questo in estrema sintesi il messaggio che arriva dal torneo 250 di Umago, che si conferma terreno di caccia prediletto per i tennisti italiani grazie al successo del rosso della Val Pusteria che si è aggiudicato la finale battendo proprio Alcaraz in tre set con il punteggio di 6-7 (5), 6-1, 6-1. Sinner succede nell’albo d’oro del torneo allo stesso Alcaraz ed è il terzo italiano a vincere ad Umago dopo Fabio Fognini (2016) e Marco Cecchinato (2018).

Jannik Sinner bestia nera di Alcaraz: che vittoria ad Umago

Per Sinner è il primo titolo di un 2022 finora tormentato tra guai fisici e problematiche assortite, legate anche al cambio di coach con il passaggio da Riccardo Piatti a Simone Vagnozzi e il successivo arrivo di Darren Cahill come super coach, il primo sulla terra rossa e il sesto della carriera. Per Alcaraz, che da lunedì sarà comunque il nuovo numero 4 del mondo, si tratta di una battuta d’arresto ulteriore che si inserisce in una seconda parte di stagione non esaltante: dopo i trionfi ravvicinati a Barcellona e Madrid il talentino di Murcia, già vincitore di quattro tornei in stagione, ha perso brillantezza, perdendo contro lo stesso Sinner agli ottavi di Wimbledon e poi la finale di Amburgo contro Musetti. Ma, soprattutto, si tratta di un successo molto importante per Sinner anche sul piano psicologico dopo quello di un mese fa negli ottavi di Wimbledon, perché conquistato sulla superficie preferita da Alcaraz, la terra rossa: ora Jannik guida 2-1 il computo dei precedenti e sembra avere messo in crisi la macchina del murciano, che in primavera era apparso invincibile.

Croazia Open, Sinner umilia Alcaraz con un doppio 6-1

Insomma, per Carlos continua lo spauracchio rappresentato dai tennisti italiani, pensando anche al ko contro Berrettini in Australia a inizio stagione e alla soffertissima vittoria nella semifinale di Umago contro Giulio Zeppieri. Forse proprio le scorie di quel match si sono fatte sentire alla lunga nelle gambe di Alcaraz in una finale che è stata equilibrata solo per un set, durante il quale lo spagnolo ha dato il meglio, nonostante tanti errori gratuiti al cospetto invece di un Sinner più preciso e in generale più presente all’interno del match. Alcaraz è comunque riuscito a far proprio il primo set al tie break, con il punteggio di 7-5.

La sua partita è però di fatto finita qui. Anzi, lo spartiacque del match è stato il secondo gioco del secondo set: l’1-0 di Alcaraz sarà infatti l’ultimo game vinto dallo spagnolo in tutto il match eccetto il primo del terzo set. Incapace di sfruttare tre palle break sullo 0-40 e altre tre ai vantaggi, Carlos cede di schianto di fronte alla tenacia di un Sinner capace di tenere il servizio per poi volare via dal gioco successivo grazie a una serie di quattro giochi consecutivi, tre dei quali su servizio dello spagnolo.

Jannik Sinner è pronto per la stagione sul cemento

L’inerzia del match si sposta quindi dalla parte dell’italiano, che si confermerà nel terzo set più lucido e concentrato: la svolta definitiva arriva nel quarto gioco, quando Sinner riuscirà a piazzare l’ennesimo break approfittando anche degli errori di presunzione di Alcaraz, che cederà la battuta anche nel sesto gioco incassando un altro 6-1. Sinner supera quindi Alcaraz a quota sei titoli in carriera, contro i cinque dello spagnolo, chiude nel migliore dei modi la stagione sulla terra e si prepara per una parte finale del 2022 tra il cemento e l’indoor che sembra promettere grandi soddisfazioni.

Fino ad adesso è stato un anno difficile, ma devo ringraziare il mio gruppo di lavoro per quanto fatto – le prime parole di Sinner dopo la vittoria – Carlos migliora torneo dopo torneo, ma credo che la svolta per me sia arrivata con le sei palle break annullate. Ora mi riposerò in vista del cemento a Montreal“.

 

 

Leggi anche:

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Caricamento contenuti...