Virgilio Sport

Tensione Inter, i dubbi di Conte: un grande ex attacca Suning

Nuovo rinvio per l'incontro decisivo tra l'allenatore e il presidente Steven Zhang nel quale si deciderà il futuro del tecnico salentino. Eder all'attacco: "Spero che all'Inter non succeda quanto accaduto allo Jiangsu".

Pubblicato:

Prima la festa, poi l’incontro della verità. In casa Inter è tutto pronto per l’ultima giornata di campionato. A San Siro contro l’Udinese, davanti a 1000 spettatori (ma non ai tifosi, dato che saranno ammessi solo esponenti degli sponsor e famigliari di giocatori e staff), Antonio Conte e i suoi ragazzi riceveranno le medaglie per la vittoria dello scudetto e capitan Samir Handanovic alzerà al cielo la Coppa, primo sospirato trionfo in nove anni di militanza nerazzurra.

Il tempo per godersi il trionfo sarà però minimo, perché il futuro incombe, sottoforma dell’attesissimo incontro tra Steven Zhang e Antonio Conte, al termine del quale saranno chiare le intenzioni del tecnico salentino circa la permanenza a Milano. Incassato il maxi prestito ponte di 250 milioni da Oaktree, Zhang avrà argomenti più solidi da esporre a Conte, che sa però già in anticipo che la liquidità in arrivo non servirà per fare mercato. Per potenziare il gruppo al fine di restare ai vertici in Italia e diventare più competitivi in Europa servirà l’autofinanziamento e tutto ruota attorno all’interpretazione di questo termine.

Conte pretenderà che a venire ceduti non siano le colonne alla base della conquista dello scudetto, quindi Bastoni, Barella, Hakimi e Lukaku, oltre a Lautaro Martinez, sempre in attesa però del rinnovo del contratto in scadenza nel giugno 2023. Scontate le partenze di Vidal e Sanchez, quest’ultima dolorosa per Conte, probabili quelle di Eriksen e di Brozovic, se il croato non rinnoverà il contratto in scadenza tra un anno.

Intanto, a mettere benzina sul fuoco della tensione, ha pensato un fedelissimo di Conte come Eder Citadin Martins. L’italo-brasiliano, che ha lasciato l’Inter nel 2018 per trasferirsi allo Jiangsu Suning, la società del campionato cinese di proprietà della famiglia Zhang fino al febbraio 2021, non è stato tenero nei confronti di Suning.

L’attuale attaccante del San Paolo ha attaccato senza mezzi termini sul proprio profilo Twitter la gestione del club da parte degli Zhang, che nello scorso febbraio hanno annunciato la sospensione delle attività a causa delle difficoltà finanziarie seguite alla pandemia di Coronavirus, appena tre mesi dopo la vittoria del campionato: “Spero che i soldi arrivino anche per noi del Suning F.C. e spero che all’Inter non accada come a noi (visto che la proprietà dei club è la stessa) che dopo aver vinto il campionato cinese a dicembre, il club non ci ha pagato 8 mensilità intere e le tasse su quelle precedenti”.

“Oltre a non averci liberato per dare la possibilità di trovare squadra altrove facendoci perdere così delle opportunità di lavoro – ha aggiunto Eder – Lasciando, inoltre, a casa più di 50 dipendenti senza i loro soldi e senza darci spiegazioni. In Europa è più facile voler fare bella figura”.

Chissà che effetto avranno queste parole sui dubbi di Antonio Conte, legatissimo a Eder dall’esperienza come ct dell’Italia. Tutto ruota attorno al dubbio su come verranno reinvestiti i milioni risparmiati.

L’idea di Zhang è quella di completare l’organico con seconde linee di prospettiva, ma è facile immaginare che qui la differenza di vedute con Conte sarà evidente, perché il tecnico salentino chiederà rinforzi di spessore in un ruolo chiave come il vice Lukaku oltre che l’arrivo di un centrocampista offensivo di qualità.  

Inter-Udinese in diretta su DAZN

Tensione Inter, i dubbi di Conte: un grande ex attacca Suning Fonte: Getty Images

Tags:

Leggi anche:

Falkesteiner Hotel & Spa Falkesteinerhof

ULTIME GALLERY

ULTIME NOTIZIE

SPORTS IN TV
E IN STREAMING

GUIDA TV:
Eventi sportivi in diretta tv oggi

SPORT TREND

Farmacia Eredi Marino Dr. Giovanni

Caricamento contenuti...